Viaggio nell’«Economia criminale». Un libro utile per capire cos’è la mafia oggi. Gli intrecci con economia, politica ed istituzioni

La criminalità organizzata non è più un problema esclusivo del Sud: lo testimonia il fatto che il 10 maggio governo e Confindustria hanno firmato il Protocollo di Legalità, steso sul modello di quello adottato da Confindustria Sicilia contro la criminalità organizzata.

A raccontare gli affari di ‘ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra in tutta Italia – a partire dal ricco Nord – è un libro-inchiesta in edicola da giovedì 20 maggio: “Economia criminale. Storie di capitali sporchi e società inquinate” dell’inviato del Sole 24 ORE Roberto Galullo.

In oltre 300 pagine il libro racconta storie di economia criminale, di mafie fuori dai confini ristretti del Sud, storie di capitali sporchi, società inquinate e speranze di vita, partendo dalle nuove capitali delle mafie globalizzate. Perché tutto entra nell’economia criminale: professioni, politica, appalti, servizi, imprese, finanza e società immobiliari.

Il racconto si snoda attraverso storie che ricostruiscono i traffici e le strategie della criminalità organizzata in tutta Italia. A partire dal profondo Nord, dove il Piemonte fa i conti con le infiltrazioni mafiose nell’Alta velocità mentre in riviera ligure i soldi dei clan girano sulle roulette del Casinò.

A pochi chilometri dall’aeroporto internazionale di Malpensa, l’edilizia è in mano alla ‘ndrangheta e i nomi dei comuni non si pronunciano con accento calabrese ma con cadenza lombarda. Nel Nord-Est, locomotiva italiana, prospera l’economia legale ma anche quella della camorra e perfino le spiagge entrano nel business dei Casalesi.
In Emilia non rombano solo i motori della Ferrari, vanno a pieni giri anche gli affari delle cosche.

A San Marino furgoni pieni di soldi riempiono le casseforti del riciclaggio.
Introdotto dal Direttore del Sole 24 ORE Gianni Riotta, il libro contiene un saggio conclusivo di Moises Naim “Il flusso inarrestabile dei traffici illeciti globalizzati”.

“Economia criminale. Storie di capitali sporchi e società inquinate”
In libreria e in edicola dal 20 maggio
12 euro
303 pagine

(Tratto da Il Sole 24 Ore)

Archivi