Vescovi calabresi preparano nuove linee guida antimafia. Galantino: «Ma non tocca alla Chiesa dire chi è nei clan». La Chiesa calabrese prende le distanze dalla ndrangheta. Lo faccia anche nelle altre regioni del Paese, a cominciare dalla Campania e dal Lazio

Il segretario generale Cei rilancia la linea ferma contro le infiltrazioni nei riti sacri. Ma precisa: «Ci sono compiti che spettano ai magistrati»

«La Chiesa non è la magistratura, non è la polizia; e la magistratura non è la Chiesa. Abbiamo criteri diversi con cui aggredire le realtà mafiose, nel rispetto delle competenze di ciascuno. Al prete, al vescovo, non compete dichiarare chi è mafioso e chi non lo è. Questo spetta alla magistratura». Lo afferma monsignor Nunzio Galantino, vescovo di Cassano Ionio e segretario generale della Cei, nell’intervista a Tv2000, l’emittente dei vescovi, rilasciata a conclusione della riunione della Conferenza Episcopale Calabra che si è tenuta nel Santuario di Paola, in provincia di Cosenza, e che ha stabilito di istituire una commissione per redigere una “nota pastorale” con indicazioni concrete da fornire per contrastare le infiltrazioni mafiose nei riti sacri.
Commentando le recenti vicende di Oppido Mamertina, con il presunto “inchino” della processione alla casa del boss il segretario della Cei sottolinea la necessità di fare «chiarezza» sulle competenze coinvolte nella gestione del fenomeno mafioso. «Il prete e il vescovo, come tutta la comunità cristiana – continua – dicono ovviamente con chiarezza chi è contro il Vangelo e contro i valori del Vangelo».

Galantino sottolinea però che «la mafia va aggredita da tutte le parti ognuno mantenendo le proprie competenze, ma con un impegno chiaro, leale, di collaborazione e
anche di decisione degli interventi». Il vescovo di Cassano allo Jonio ribadisce che dinanzi a «fenomeni così complessi abbiamo bisogno tutti quanti di ritrovarci, di riflettere, di verificare» e che da parte dei vescovi calabresi c’è «una presa di distanza senza equivoci, come chiesto Papa Francesco» perché, aggiunge, «tutti devono sapere che non c’è nessuna possibilità di commistione tra religione e malaffare».

Ai microfoni di Tv2000 Galantino spiega che «quello della pietà e della religiosità popolare è un fenomeno molto complesso» ma un dato è certo: «Se per caso, o di fatto, qualche malavitoso si accosta al santo, semmai paga anche i fuochi artificiali o le luminarie, deve sapere che quel gesto non lo riscatta dal suo essere fuori dalla Chiesa, non lo riscatta dal suo essere assolutamente non in linea con il Vangelo».

Il segretario della Cei conclude ribadendo che «non è l’offerta che ci fa santi, non è il pagare le spese o portare sulle proprie spalle la statua del santo che ci riscatta dalla malavita che noi viviamo. E’ altro: è il pentimento, la conversione e la voglia di far sapere pubblicamente che noi prendiamo le distanze da una vita vissuta male».

http://www.ilquotidianodellacalabria.it/news/cronache/727779/Vescovi-calabresi-preparano-nuove-linee-guida.html

 

Archivi