VERGOGNA ED UN MILIONE DI VOLTE VERGOGNA!!!

VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, UN MILIONE DI VOLTE VERGOGNA
IN UN PAESE CIVILE ED EFFETTIVAMENTE DEMOCRATICO, MINISTRO E VICE MINISTRO DEGLI INTERNI SI SAREBBERO GIA’ DIMESSI, MENTRE NEL NOSTRO SI AMMANETTANO INGIUSTAMENTE TESTIMONI E COLLABORATORI DI GIUSTIZIA E NESSUNO PAGA, MENTRE C’E’ PURE QUALCHE BIG DELLA POLITICA E DELL’ANTIMAFIA PAROLAIA CHE TENTA DI SCREDITARE UN COLLABORATORE CHE DA ANNI STA COLLABORANDO CON LA GIUSTIZIA.
SI VERGOGNINO TUTTI E TRE E VADANO A CASA PER EVITARE DI FARE ALTRI GUAI!!!
Luigi Bonaventura, collaboratore di giustizia da 10 anni, viene ammanettato perché nei terminali della Polizia risulta ancora… boss.
Dopo 10 anni, ripetiamo!
Lo stesso, inoltre, viene attaccato da uno che passa per un’icona dell’antimafia delle chiacchiere.
Pietro di Costa, Testimone di Giustizia, davanti al Viminale a Roma viene anche egli ammanettato e portato come una bestia al Centro Immigrazioni per la fotosegnalazione ed il prelievo delle impronte digitali.
Accusato di aver danneggiato una ganascia apposta alle ruote della macchina nella quale dormiva con Ciliberto.
Gennaro Ciliberto, costretto a scappare per tutta Italia per sottrarsi alla possibile vendetta di chi ha denunciato e sempre in attesa del riconoscimento, dopo circa 4 anni, del suo status di Testimone di Giustizia, viene prelevato, insieme a Di Costa, sempre davanti al Viminale e portato anch’egli come un criminale presso il Centro Immigrazioni di Roma per fotosegnalazione e prelievo delle impronte digitali.
Ma che sta succedendo con questo Governo e questa classe politica dirigente?
Da quale parte stanno???

Archivi