Ventotene. Solidarietà dell’Ass. Caponnetto ad Antonio Flocco per le continue aggressioni fisiche e verbali da lui subite

In riferimento a notizie stampa, che pretestuosamente cercano di coinvolgere l’Associazione Caponnetto in ipotesi di abusi edilizi di privati, teniamo a precisare che non ci risulta che esponenti dell’associazione abbiano proprietà immobiliari sull’isola di Ventotene.

Comunque l’Associazione Caponnetto non può che rispettare l’operato delle Forze dell’Ordine e della Magistratura sempre: anche quando

Ad Antonio Floc, ma, soprattutto, ha la nostra solidarietà per gli attacchi verbali e fisici che ha subito proprio sull’isola di Ventotene

. Fatti, questi, che sono al vaglio della Magistratura e che sino ad ora hanno portato al rinvio a giudizio di alcune persone. Attacchi che, purtroppo, si sono verificati in altre città, oltre che a Ventotene, come Tarquinia e Civitavecchia, anche ad altri esponenti dell’Associazione come Gigi Daga e Vincenzo Monteduro.

Tutti gli appartenenti all’Associazione, comunque, continueranno a profondere il massimo delle loro energie per conto di un’Associazione che negli anni ha sollevato la questione mafia sul territorio Pontino ed in tutta la regione, pagando spesso prezzi elevatissimi.

Cercando, peraltro, sempre e comunque, di collaborare con la Magistratura e le Forze dell’Ordine nel sostenerle nel loro impegno quotidiano contro la criminalità organizzata insediatasi saldamente sui territori della Regione Lazio.

Ass. A. Caponnetto

Archivi