VENTOTENE. Scempio ambientale nella zona di Punta dell’Arco. Che fa la Procura della Repubblica di Latina?

La zona di Punta degli Olivi (Punta dell’Arco) di Ventotene è considerata della massima importanza internazionale dal punto di vista ambientale. Nel 2006 il Ministero dell’Ambiente raccomandava fortemente all’ente gestore, il Comune dell’isola, di intraprendere azioni immediate di tutela dell’area, evitando e sospendendo ogni intervento che potesse alterare anche solo temporaneamente lo stato dei luoghi.

Ebbene da giorni un cantiere è sorto in piena Punta dell’Arco, con tanto di strada che ha già devastato fortemente la delicata vegetazione mediterranea. Si tratta della ristrutturazione di un vecchio edificio, denominato ‘la casa rosa’ che doveva diventare il centro visite del parco, ma che per la negligenza dell’ente gestore è stato invece acquistato da un privato per farne una seconda casa nel cuore della riserva.

Tutto ciò con il benestare dell’ufficio tecnico del Comune e del presidente dell’ente parco (il sindaco di Ventotene), e la totale assenza della benché minima valutazione di impatto e di incidenza ambientali, atti assolutamente dovuti quando si opera in territori tutelati come questo (Ventotene è anche Zona a Protezione Speciale oltre che Riserva Naturale dello Stato).

Una denuncia alla Procura della Repubblica di Latina verrà formalizzata nei prossimi giorni, tuttavia sconcerta il fatto che mentre si sta perpetrando uno scempio ambientale di tali dimensioni, proprio il procuratore di Latina Giuseppe Mancini passeggi in compagnia del sindaco per le strade del paese.

(Tratto da Telefree)

Archivi