Vendita all’asta dell’Hotel Mirasole. Sarebbero interessati anche soggetti, oltre a quelli già noti, attenzionati nell’operazione Damasco di Fondi

NELLA VICENDA RELATIVA ALLA VENDITA ALL’ASTA DELL’HOTEL MIRASOLE A GAETA CI SAREBBERO ANCHE SOGGETTI ATTENZIONATI NELL’OPERAZIONE “DAMASCO” DI FONDI?

Non sappiamo come e quanto la notizia sia fondata o meno.

Invitiamo, pertanto, gli investigatori a verificarne la fondatezza.

La giriamo a loro così come noi l’abbiamo raccolta.

Nella questione relativa alla vendita all’asta del prestigioso Hotel Mirasole di Gaeta, oltre a quelli già in loro possesso, apparirebbero anche soggetti già attenzionati nell’operazione “Damasco” di Fondi.

Se ciò fosse vero, sarebbe veramente sconvolgente perché rivelerebbe che quel “filo rosso” –di cui noi abbiamo sempre parlato- che collegherebbe Fondi a Terracina e San Felice Circeo, si sarebbe esteso anche a Gaeta.

Nei giorni scorsi abbiamo parlato di strane compravendite di terreni sulla Marina di Fondi, ai confini con il territorio di Sperlonga, ed intorno all’area del MOF.

Si nota in queste ultime settimane – malgrado tutti i riflettori accesi su Fondi e le relative inchieste, sempre se le notizie risultassero fondate – un’effervescenza economica sospetta e davvero impressionante per le sue dimensioni.

Invitiamo, pertanto, la DDA, i carabinieri del Comando Provinciale di Latina, la DIA ed i corpi centrali ad acquisire e verificare, foglio per foglio, il fascicolo fallimentare del Mirasole per individuare, uno per uno, tutti gli aspiranti all’acquisto. Vecchi e nuovi.

Ass. A. Caponnetto

Archivi