UN’OTTIMA ANALISI,COME SEMPRE D’ALTRA PARTE, DI ROBERTO GALULLO IL QUALE ESAMINA CON LODEVOLE BRAVURA,I COLLEGAMENTI IN CALABRIA FRA NDRANGHETA ( E PROBABILMENTE ANCHE MASSONERIA ) ,POLITICA ED ISTITUZIONI,COLLEGAMENTI CHE CONDIZIONANO TUTTA LA VITA PUBBLICA IN QUELLA REGIONE. NULLA DA RECRIMINARE CON LA MAGISTRATURA,SOPRATTUTTO QUELLA INQUIRENTE,MA CERTO E’ CHE PER QUANTO RIGUARDA LE FORZE DELL’ORDINE,QUALCOSA SI POTREBBE DIRE. QUALCHE OMBRA C’E’ O QUANTO MENO C’E’ STATA:BASTEREBBE CITARE IL “CASO” DEL CAPO E DEL VICE CAPO DELLA MOBILE DI VIBO VALENTIA,PUR ESSENDO VALIDO SEMPRE IL PRINCIPIO DELLA PRESUNZIONE D’INNOCENZA FINO A SENTENZA DEFINITIVA. SULLE PREFETTURE E SUI PREFETTI NON CI PRONUNCIAMO PERCHE’ STIAMO ASPETTANDO NOTIZIE AGGIORNATE. MA UNA COSA SENTIAMO DI DIRE ALLA BINDI CHE VA SPESSO IN CALABRIA: NON SOFFERMIAMOCI SU LETTURE FRETTOLOSE E SUPERFICIALI. SULLA CALABRIA,COME D’ALTRA PARTE SULLA SICILIA E SULLA CAMPANIA IN PARTICOLARE, LA COMMISSIONE PARLAMENTARE ANTIMAFIA DOVREBBE SOFFERMARSI DI PIU’ PERCHE’ LI’ PIU’ CHE I MANCUSO E COMPAGNI A NOSTRO AVVISO SONO PERICOLOSI I………………”COLLETTI BIANCHI” PERCHE’ ,SE NON CI FOSSERO QUESTI,LA NDRANGHETA,COME LA CAMORRA IN CAMPANIA,COSA NOSTRA E LA STIDDA IN SICILIA E LA MAFIA IN PUGLIA ED IN LUCANIA,SAREBBERO STATE ELIMINATE DA QUEL DI’. IL DISCORSO,DOVUNQUE SI VA,RIGUARDA LA POLITICA PERCHE’ E’ SEMPRE QUESTA LA PRIMA RESPONSABILE. E NON VALE NEMMENO QUELLO CHE CONTINUAMENTE CI VIENE RIMPROVERATO E CIOE’ CHE NON TUTTI VANNO MESSI NELLO STESSO CANESTRO PERCHE’ QUESTO E’ VERO,MA E’ ALTRETTANTO VERO CHE ANCHE LE PERSONE ONESTE VENGONO ALLA LUNGA ASSORBITE DAL “SISTEMA” CHE E’ FRADICIO E CHE FINISCE PER RENDERE INEFFICACI ED ININFLUENTI ANCHE LE PERSONE ONESTE.

Ti potrebbe anche interessare...