Un’interrogazione del nostro iscritto On.Iannuzzi

Un’interrogazione del nostro iscritto On.Iannuzzi alla quale il Ministro Orlando ancora non risponde.Lo stato penoso della Giustizia a Latina

 

 

 

ATTO CAMERA INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/17202 Dati di presentazione dell’atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: 828 del 06/07/2017 Firmatari Primo firmatario: IANNUZZI CRISTIAN Gruppo: MISTO-ALTRE COMPONENTI DEL GRUPPO Data firma: 06/07/2017 Destinatari Ministero destinatario: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA delegato in data 06/07/2017 Stato iter: IN CORSO Atto Camera Interrogazione a risposta scritta 4-17202 presentato da IANNUZZI Cristian testo di Giovedì 6 luglio 2017, seduta n. 828 CRISTIAN IANNUZZI.

— Al Ministro della giustizia . — Per sapere – premesso che: il presidente facente funzioni del tribunale di Latina, Giuseppe D’Auria, ha inviato al Consiglio superiore della magistratura una missiva, denunciando la gravissima carenza di organico che ormai da anni affligge il tribunale di Latina; nel dettaglio, il presidente denuncia la completa inadeguatezza della pianta organica rispetto al flusso di affari che caratterizzano il Tribunale: su tutti i giudici del tribunale grava infatti un carico di lavoro pro capite nettamente superiore, anche il doppio, rispetto a quello mediamente assegnato ai giudici di altri tribunali del distretto; la già drammatica situazione del tribunale di Latina risulta ulteriormente aggravata dalle vacanze e dalle assenze, che coinvolgono 14 giudici su 40. Vi sono attualmente undici posti vacanti (tra cui quello del presidente del tribunale, un presidente di sezione e nuovi giudici) per un totale del 27,5 per cento in pianta organica, oltre a tre posti scoperti per prolungate assenze dal servizio, che determinano una scopertura totale del 35 per cento; a fronte della denunciata emergenza, il presidente lamenta che, nell’imminente pubblicazione del numero dei posti da ripartire tra i vari tribunali, sia previsto un solo posto per il tribunale di Latina, mentre, per altri tribunali in situazioni minori di disagio, sia previsto l’assegnazione di un numero maggiore di giudici; la situazione sembra, paradossalmente, destinata a peggiorare in considerazione della previsione della pubblicazione di ben 23 posti per il tribunale di Roma, verso il quale è plausibile ipotizzare un trasferimento di almeno quattro giudici da Latina, che hanno già fatto relativa domanda di trasferimento verso il tribunale romano –: se il Ministro interrogato sia a conoscenza della situazione descritta in premessa, e di quali dati aggiornati disponga sulla consistenza numerica di magistrati togati ed onorari, nonché di giudici di pace in ruolo, rispetto al numero previsto dalla pianta organica dei tribunali e degli uffici dei giudici di pace in Italia e, in particolare, presso il tribunale e ufficio del giudice di pace di Latina; se possa fornire dati ed informazioni relativamente a quante unità del personale della giustizia giudicante svolgano le proprie funzioni effettivamente presso il tribunale, quanti siano invece eventualmente assegnati ad altri compiti, in Italia e in particolare presso il tribunale e l’ufficio del giudice di pace di Latina; se e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda promuovere in merito alla necessità di garantire una effettiva ed efficiente organizzazione delle attività giudicanti presso i tribunali in Italia e, in particolare, presso il tribunale e l’ufficio del giudice di pace di Latina; se e quali urgenti iniziative il Ministro interrogato intenda assumere, per quanto di competenza, al fine d’incrementare l’organico del personale giudicante nei tribunali e negli uffici del giudice di pace italiani, in particolare a Latina, onde ovviare alla carenza d’organico venutasi a determinare. (4-17202)

Archivi