Un’informazione,la nostra,che deve essere più selettiva e mirata.I fatti bisogna saperli PREVENIRE e non solo raccontare.Questo é il compito di un’Associazione antimafia seria.

UN’INFORMAZIONE  PIU’  SELETTIVA  E  MIRATA

 

 

E’,questo,uno degli obiettivi  che  dovrà porsi  il nuovo Consiglio Direttivo che verrà fuori,appena terminato il  tesseramento in corso,dall’Assemblea degli iscritti all’associazione Caponnetto del prossimo aprile.

Un’informazione coerente  con le finalità dell’Associazione  che sono :  L’INDAGINE,LA DENUNCIA,LA PROPOSTA.

I tre elementi che rappresentano la conditio sine qua non per il raggiungimento degli scopi che ci proponiamo,che sono -lo ripetiamo per l’ennesima volta – la lotta alla corruzione,al malaffare ed alle mafie.

Noi abbiamo un sito web e due bacheche ufficiali seguiti da centinaia  di migliaia di lettori,cittadini comuni,autorità ed anche mafiosi.

Una potenza di fuoco eccezionale che non sempre viene apprezzata ed usata in maniera propria e mirata.

Abbiamo voluto di proposito aprire soprattutto le nostre  pagine Facebook al contributo di tutti proprio per misurare il grado di volontà di collaborazione,di onestà intellettuale e morale,di maturità di quanti  vogliono aiutarci o,quanto meno,dicono di volerlo fare.

A parte,però qualche  sporadico blitz di gaglioffi -probabilmente legati alle organizzazioni criminali  –  che non mancano mai e che di tanto in tanto ci insultano,abbiamo notato che non pochi  intendono ed usano questi nostri strumenti come vetrine per reclamizzare mostre,iniziative,pubblicazioni,attività politiche  e quant’altro ( poco ci manca che qualcuno prima o poi posti anche l’inaugurazione di una latrina pubblica,oltreché di luminarie,rotonde  e roba del genere),tutte cose che non sono compatibili con le nostre attività e con il nostro ruolo di associazione nata esclusivamente -e,ripetiamo,esclusivamente – per combattere malaffare,corruzione e mafie e per sostenere,soprattutto,la Magistratura -che checché se ne voglia dire,malgrado  alcuni suoi limiti,resta pur sempre l’unico presidio di legalità e di Giustizia in questo infelice Paese- fornendole,ove possibile,eventuali elementi e piste per svolgere al meglio il suo lavoro.

Punto.

Il  pubblicare,ad esempio ,fatti già avvenuti già di per sé contraddice il nostro ruolo perché un ‘Associazione antimafia seria,quale ha voluto ed intende sempre più essere,la Caponnetto,più che limitarsi a RACCONTARLI  deve essere in grado di PREVENIRLI.

Noi ringraziamo quei pochi amici ed amiche- li abbiamo tutti ben individuati e selezionati- che mostrano sensibilità e voglia di darci una mano postando notizie,ma li preghiamo di fare uno sforzo in più nella direzione sopraindicata.

Dobbiamo essere,in parole povere,in grado di colpire al cuore corrotti e mafiosi impedendo ad essi di fare ulteriori danni al Paese ed a noi tutti.

Un obiettivo ambizioso,lo sappiamo,ma dobbiamo riuscire a  raggiungerlo perché é su questo piano che si misura la serietà e la validità di un’Associazione antimafia che porta un nome prestigioso come il nostro.

La nostra informazione,quindi,deve mirare a suscitare o ravvivare quel senso di orgoglio,di dignità e di ribellione allo statu quo.

Una funzione pedagogica oltre che informativa pura e semplice.

Un invito all’impegno,insomma.

Diretto,sul campo.

Un’informazione  che dovrà necessariamente essere  diretta ad una cerchia  di persone sensibili,serie,coscienti e volitive e non più a saltimbanchi,gaglioffi,parolai,ignavi  e lanzichenecchi di ogni specie,dialogando con i quali si perdono tempo e denaro.

Un’informazione di qualità,mirata ,tesa,da una parte, a fornire notizie utili ai magistrati -per quello che ovviamente può essere reso pubblico -e,dall’altra,a ravvivare nelle persone serie e coscienti  quel senso responsabilità  e di collaborazione con lo Stato di diritto per indurle a denunciare,tramite l’Associazione Caponnetto,quello che non va.

Un  obiettivo coerente  con il ruolo che ci siamo dati e che é tutto sintetizzato nel nostro motto “Altro ed Alto” !!!!

Archivi