Un’”antimafia” da pagliacci e da affaristi…………….Se non c’é la DENUNCIA non è lotta alle mafie!!!!!!!!!

UN'”ANTIMAFIA” DA PAGLIACCI ED AFFARISTI
Ci siamo stufati di gridare  la nostra indignazione nei confronti di quest'”antimafia” da pagliacci e
da affaristi che si va facendo strada nel Paese e  diventando essa stessa  un’altra mafia.
Questo offende noi  e tutti coloro che sono morti per combattere le mafie in quanto,nel sentire
della gente meno acculturata ed informata,accomuna tutti nella stessa barca.
Noi ci siamo tenuti sempre lontani da quanti  nel passato hanno tentato di convincerci ad
assumere quelle iniziative che avrebbero comportato lauti finanziamenti da parte delle istituzioni:
corsi della  legalità,convenzioni,gestioni di beni confiscati,progetti ecc.
Per noi lottare contro le mafie significa combattere contro di esse e non allearsi con istituzioni e
partiti che,fatta qualche eccezione di singoli esponenti,sono essi stessi un covo di
mafiosi,peraltro,dei più temibili,le menti pensanti,coloro che detengono il potere e comandano.
Non si tratta di essere “talebani”,ma se io accetto da  uomini  politici e  delle istituzioni una casa in
comodato d’uso,un bene da gestire,un finanziamento e  poi si viene a scoprire che qualcuno di essi
è un corrotto,un mafioso,un ladro,vengo considerato anche io un corrotto,un mafioso,un ladro in
quanto mi sono giovato dei privilegi  da lui concessimi.
E non solo comprometto così la mia onorabilità ma quella di tutti coloro che  fanno o dicono di
fare  la lotta alle mafie.
Stiamo gridando da anni che la LOTTA ALLE MAFIE SI FA SENZA INTERESSI,NE’  ECONOMICI NE’
POLITICI,RIMETTENDOCI ALL’OCCORRENZA DEI SOLDI DI TASCA PROPRIA E NON  GUARDANDO
L’ANTIMAFIA  COME UNO STRUMENTO PER CAMPARCI,PER FARE BUSINESS,O PER PROCURARSI
VOTI.
Chi scrive,ricorda sempre con simpatia ed affetto un Colonnello dei Carabinieri della DIA che
venne a trovarlo e nel corso delle conversazione disse “A noi servono fatti,nomi e cognomi,non
chiacchiere,non sociologia o storia,nomi e cognomi”.
Ecco,nomi e cognomi.
SERVE LA DENUNCIA.
Chi non denuncia non fa antimafia.
Non é la prima volta che leggiamo di  presunti paladini della legalità,dell’antimafia di
parata,dell’antiracket che rubano e vengono ammanettati.
E’ successo a Napoli qualche tempo fa,é successo or ora a Palermo  e succederà chissà quante altre
volte.
Quella non é antimafia,é delinquenza.

E delinquenti non sono solamente loro,ma anche,se non soprattutto,coloro che hanno ascoltato
,ascoltano e seguono questi delinquenti.

Archivi