Una Sezione della DIA a Latina? Parliamoci chiaro e tondo… , con un sottofondo della canzone “non ho l’età…”

PARLIAMOCI CHIARO E TONDO, UNA VOLTA PER TUTTE, A PROPOSITO… DELLE PROPOSTE DI ISTITUZIONE DI UNA SEZIONE DELLA DIA A LATINA!!!

Abbiamo letto della richiesta degli amici di LIBERA di istituire un a sezione della DIA a Latina. L’abbiamo apprezzata perché stimiamo gli amici di Libera ed apprezziamo quanto essi hanno fatto e fanno per questa provincia disgraziata.

Anche Pannone del PD formulò la stessa richiesta e rispondemmo come stiamo rispondendo ora.

Anche noi saremmo d’accordo, ma… se…

Non giriamo intorno al palazzo!

Tanto tempo fa un ufficiale della DIA ci disse, più o meno:

“Sì, così saremmo costretti a rimettere le informative alla Procura di Latina! ”

Il problema è tutto qua.

La Procura di Latina, con quella di Frosinone, sono considerate da molti Procure “negazioniste” e questo francamente ci provoca angoscia, tantissima angoscia.

Noi al riguardo abbiamo sempre espresso chiaramente il nostro pensiero al riguardo.

Il CSM ed il Ministero della Giustizia, in una terra ormai considerata da tutti invasa dalla criminalità organizzata, avrebbero dovuto mandare Procuratori del livello di un De Ficchy, di un Amendola e così via. Procuratori consapevoli della gravità della situazione e fortemente motivati esperti in materia di lotta alle mafie. Purtroppo, le cose non stanno così. E ne paghiamo le conseguenze.

Poi c’è un discorso da fare per quanto riguarda i vertici delle forze dell’ordine. A noi non interessa se il Colonnello Rotondi abbia fatto o no le cose di cui è accusato. Noi abbiamo voluto bene a questo ufficiale che ha mostrato di avere delle capacità investigative eccezionali e continuiamo a volergli bene ora che è stato mandato via. Abbiamo visto che con lui l’Arma stava funzionando in provincia di Latina; abbiamo visto quello che ha fatto il Comando di Latina durante l’operazione “Damasco”; abbiamo visto che egli era aperto e cercava-anzi, sollecitava – la collaborazione, accettava segnalazioni, suggerimenti, proposte.

Tutto ciò non lo vediamo più. purtroppo.

Non parliamo, poi, della Guardia di Finanza. Ottimo corpo, che potrebbe fare cose eccellenti, perché è soprattutto la Guardia di Finanza, come corpo di polizia economica, a costituire la prima linea di fuoco contro l’invasione dei capitali sporchi delle mafie nel nostro territorio.

C’è qualcuno in grado di dire che la Guardia di Finanza in provincia di Latina abbia assolto finora pienamente al suo ruolo? Dove stanno le indagini patrimoniali, dove i sequestri dei beni ai mafiosi, dove, dove…?

Resta la Questura. Il Questore D’Angelo ed i suoi uomini stanno dimostrando di voler fare sul serio. Li ringraziamo, a nome di tutti i cittadini onesti della provincia di Latina, per quanto fanno.

Ma il Dr. D’Angelo sta terminando il suo periodo di comando a Latina. Quando egli sarà andato via, la Questura continuerà ad operare come sta operando oggi? Non lo sappiamo.

Ed allora di cosa stiamo parlando???

In una situazione del genere, gli uomini della DIA che cosa potrebbero fare?

Allora parliamo seriamente e questo potremo farlo quando cambieranno le cose.

Intanto cominciamo ad affrontare il problema del funzionamento della Guardia di Finanza. A Frosinone il Comando Generale ha mandato il Colonnello Salato, un ufficiale di grandi capacità e… con gli attributi. I risultati della sua presenza si sono visti subito. Per Latina bisogna fare la stessa cosa. E subito, prima che l’occupazione da parte delle mafie sia completa. Lo stesso discorso riguarda gli altri Corpi.

Se non si fa questo, continuiamo a macinare aria fritta. Anzi, attenzione: un’eventuale insediamento della DIA a Latina determinerebbe conflitti e anomalie a livello investigativo veramente inimmaginabili. E questo è pericoloso e assolutamente da evitare.

Sono i vertici pontini, certi vertici, che vanno cambiati…

Archivi