“Una rete oscura e sinistra di mafiosi”. Il “The Sun” sui clan di Foggia e Gargano: “Tra i più letali d’Italia”

Una rete oscura e sinistra di mafiosi”. Il “The Sun” sui clan di Foggia e Gargano: “Tra i più letali d’Italia”

Di Redazione 7 Febbraio 2022 I

I boss giustiziano i nemici in pieno giorno e bombardano le imprese”. L’approfondimento dell’edizione americana della testata britannica con un’intervista al procuratore Giuseppe Gatti

Nelle profondità delle pendici dell’Italia meridionale, una nuova feroce banda mafiosa sta devastando la gente del posto giustiziando i nemici in pieno giorno e bombardando le imprese”. Inizia così il focus del “The Sun” dedicato alla mafia foggiana. L’edizione americana dello storico giornale britannico ha acceso i riflettori sui clan della Capitanata dopo l’escalation criminale di Capodanno 2022.

Dietro l’accogliente patina dei borghi foggiani, in Puglia – si legge -, si nasconde una rete oscura e sinistra di mafiosi che uccidono le loro vittime con un colpo di fucile a canne mozze in faccia. Nato dalla sanguinaria banda napoletana de La Nuova Camorra, il clan del Gargano sta scatenando una brutale ondata di violenza a un ritmo mai visto in Italia da decenni. La banda – che è una delle quattro principali mafie che operano nella regione agricola un tempo addormentata – è rinomata per il Rituale della morte’ che consiste nel far saltare in aria la faccia di una vittima a distanza ravvicinata con un fucile a canne mozze”. Il “The Sun” mette in evidenza i conflitti per il controllo della droga: “La violenza è aumentata negli ultimi anni. I clan combattono per una fetta del traffico di stupefacenti da un miliardo di sterline all’anno che vede la droga spedita sul Gargano e poi dispersa in tutta l’Europa occidentale”.

Vogliono esprimere una misura di odio che va al di là dell’idea stessa di uccidere”, ha detto a The Sun Online il procuratore Giuseppe Gatti. “Il rituale dell’uccisione può essere pensato come un tentativo di eliminare qualcuno fisicamente. Ma qui, non stanno semplicemente cercando di eliminare qualcuno; stanno davvero cercando di cancellare qualsiasi ricordo di questa persona. Sparare in faccia a qualcuno significa cancellare la sua memoria e non dare ai propri cari la possibilità di vederne il volto per l’ultima volta. Questo è un atto di estrema ferocia”. Federica Bianchi, che dirige la locale sezione Libera, organizzazione antimafia, ha detto che il gruppo garganico è “uno dei più crudeli” e ha costretto i locali a osservare un codice del silenzio, noto come l’omertà.

Il clan del Gargano e i gruppi che compongono la Società Foggiana – in parte diretti da Rocco “Il porco” Moretti, Vincenzo “Capantica” Pellegrino e Vito Bruno “La Lepre” Lanza – sono tra i più letali in Italia. Gli uomini dirigevano la famigerata cellula Moretti-Pellegrino-Lanza che estorceva centinaia di affari ed era uno dei tanti clan che furono animati dal padrino Raffaele “Il professore” Cutolo.

La testata americana ricorda che – secondo il Times – i boss dal grilletto facile” avrebbero ucciso 300 persone in oltre quattro decenni e – secondo il Guardian – avrebbero commesso un omicidio ogni settimana e una rapina al giorno tra il 2017 e il 2018. Nel solo Gargano, l’80% degli omicidi è rimasto irrisolto. E ancora: “Gatti conosce in prima persona come operano le cosche foggiane. I suoi anni di servizio nell’organismo antimafia italiano, il DNA lo ha esposto a storie strazianti di paura e perdita tra la gente del posto. Ma è stato solo quando Gatti ha intervistato un imprenditore estorto che ha iniziato a capire l’attrazione principale delle bande. Gatti ha detto a The Sun Online che la vittima ha accettato di confessare di essere stata estorta dopo ore di interrogatorio, cosa che secondo il pubblico ministero italiano avrebbe fatto sentire l’uomo ‘liberato’. Ma quelle emozioni si sono presto trasformate in disperazione quando l’uomo ‘ha iniziato a piangere ed era pieno di terrore’. Gli ho chiesto: ‘Cosa c’è, hai ancora paura della mafia?’ E lui mi ha detto: ‘No dottore, non ho più paura di loro’ e poi mi ha detto una cosa che da allora mi è rimasta, ha detto: ‘Il mio problema è che, caro dottore, quando verrà domani e tornerò al mio paese, la gente saprà cosa ho fatto qui con te oggi e poi nessuno verrà più al mio bar”.

Poi il “The Sun” torna indietro nel tempo, a quel 5 gennaio 1979 quando nell’hotel Florio, tra Foggia e San Severo, il boss napoletano Cutolo fondò “La Società”. “All’epoca, Cutolo dirigeva la famigerata Nuova Camorra Organizzata – si legge – e stava cercando di espandere il suo impero criminale nella vicina Puglia. Da allora, la banda si è trasformata in quattro gruppi scissionisti in competizione, Gargano Clan, San Severo Clan, Clan Cerignola e la Società Foggiana, tutti in lizza per un pezzo del business multimiliardario di narcotici della regione. I clan sono diventati così potenti che la direzione antimafia italiana li ha definiti una ‘emergenza nazionale’ e ha istituito una task force a seguito di una serie di attentati ed esecuzioni diurne che hanno scosso la regione fino al midollo”.

Il 9 agosto 2017 anche due contadini innocenti sono stati uccisi in un agguato conosciuto come il massacro di San Marco Lamis. Le vittime sono state uccise a colpi di arma da fuoco dopo aver assistito all’omicidio del boss mafioso Mario Luciano Romito e di suo cognato. Sono stati colpiti alla schiena mentre fuggivano. Secondo il Guardian, nel 2020, la Società Foggiana ha fatto esplodere bombe fuori dalla casa di un testimone chiave e ucciso a colpi di arma da fuoco un uomo di 50 anni nella sua auto. La violenza è esplosa di nuovo nel 2021 quando un uomo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante le celebrazioni di Euro 2020 e un bambino è rimasto gravemente ferito. E all’inizio di gennaio 2022, due bombe esplose fuori da un parrucchiere e da un negozio di fuochi d’artificio locale, portano a sei il numero totale di attentati dall’inizio dell’anno”

A parere di Gatti, la mafia foggiana “è un’organizzazione in continua evoluzione, che aggiorna e perfeziona costantemente le sue reti illegali. Quando l’ala militare della mafia si fonde con quella degli affari, si costruisce un’organizzazione molto più forte e molto più efficiente. Alla fine, tutto ciò che la mafia vuole è prendere il potere e fare soldi”.

Fonte:https://immediato.net/2022/02/07/una-rete-oscura-e-sinistra-di-mafiosi-il-the-sun-sui-clan-di-foggia-e-gargano-tra-i-piu-letali-ditalia/

Archivi