Una “manina” pontina nella vicenda Marrazzo?

NELLA “VICENDA MARRAZZO” UNA MANINA PONTINA?

Uno spunto l’ha fornito il 26 ottobre u. s. Simone Pangia su “La Provincia” con il servizio dal titolo “Cerchi Iovine, spunta Marrazzo”. Un altro, Claudia Fusani con il servizio su “ L’Unita’” di ieri quando parla di Gian Guarino Cafasso, l’uomo deceduto e che era in rapporti con uno dei 4 carabinieri arrestati per la vicenda che ha travolto Pero Marrazzo.

Bene. Gian Guarino Cafasso era di Sperlonga.

Può darsi che non significhi nulla, ma può darsi che sia anche il contrario.

Qualche anno fa noi venimmo a sapere che un certo Iovine è stato per alcuni anni residente a Minturno in un appartamento sulla via Appia di proprietà di persona in vista.

Può darsi che questo Iovine sia solo un omonimo di “’o ninno” o può darsi di no.

Come mai in entrambi i “casi” si va a finire sempre in provincia di Latina e, in particolare, nel sud della provincia?

Non è che nel “caso Fondi” c’entrino anche gli stessi ambienti?

Archivi