Un nostro commento alla sentenza del processo Damasco 1 per Fondi

UN NOSTRO COMMENTO ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO DEL TRIBUNALE DI LATINA PER IL PROCESSO “DAMASCO 1”

E’ nostro costume rispettare comunque le sentenze emesse dai giudici.

E non le discutiamo.

Siamo, inoltre, dei garantisti e ci fa piacere quando gli imputati vengono assolti.

I giudici giudicano sulla base della carte che arrivano sulle loro scrivanie.

Detto questo, però, non possiamo non confermare le nostre perplessità per il fatto che le indagini sui fatti di Fondi siano state svolte non dal ROS, come comunemente accade, ma dal personale del Comando Provinciale dei Carabinieri di Latina.

Ciò, non per sfiducia verso tale personale, di cui apprezziamo lo spirito di abnegazione e la bravura, ma semplicemente perché, data la specializzazione richiesta in situazioni quali quella esistente a Fondi, era consigliabile delegare allo svolgimento delle indagini un corpo specializzato qual’è, appunto, il ROS.

Attendiamo ora l’esito del processo di “Damasco 2“.

Archivi