Un imprenditore onesto, un cittadino esemplare. Ignazio Cutrò. Stiamogli tutti vicino!

LA TESTIMONIANZA DI IGNAZIO CUTRO’, UN IMPRENDITORE DELL’AGRIGENTINO CHE VIVE SOTTO SCORTA PER AVER DENUNCIATO I MAFIOSI CHE LO MINACCIAVANO E GLI HANNO DISTRUTTO L’AZIENDA

Le mafie ed i loro sodali vogliono il silenzio. Essi non vogliono che si accendano i riflettori sui loro misfatti.

Invocare il silenzio significa, quindi, favorirne le attività criminali e la continuità.

Ecco perché noi abbiamo chiesto ad Ignazio Cutrò, -da noi conosciuto durante l’Assemblea di Nemi, della quale parliamo in altra parte del nostro sito-, l’autorizzazione a parlare della sua storia e del suo impegno a battersi contro questo cancro.

Lo faremo intrecciando con lui una relazione continua, chiedendogli delle testimonianze che pubblicheremo sul nostro sito, esaltando il suo coraggio, citandolo come esempio a tutte quelle persone oneste che sentono l’ansia di cambiamento nel nostro Paese, invitandolo a partecipare a qualche nostro convegno nel Lazio.

Bisogna farlo parlare e bisogna parlarne. Sempre. Perché il mantenere accesi sempre i riflettori su di lui rappresenta la migliore assicurazione sulla sua vita.

Alcune istituzioni locali lo hanno osteggiato. Solo i carabinieri gli sono stati vicini e vegliano sulla sicurezza sua e della sua famiglia notte e giorno.

Invitiamo tutti i nostri amici a visitare il suo sito web www.ignaziocutro.com, a scrivergli esprimendogli solidarietà, vicinanza, per rompere soprattutto quella solitudine a cui l’ha condannato una società omertosa e malata.

Archivi