”Un giorno triste, ma la vs forza è il mio pilastro per resistere. GRAZIE AMICI”. Gennaro, stiamo soffrendo con te. Ma non cediamo, nella certezza che prima o poi, grazie anche ai nostri sacrifici ed alle nostre lotte, prevalga lo Stato-Stato sullo stato-mafia

È iniziata la premiazione,  Sorrento 1 giugno 14 ,  città del Sud, quella terra dove un tempo potevo accedere liberamente e dove trascorrevo le mie sere d’ estate.
Oggi per me ,cari Amici, è un giorno triste, molto triste,   ma la vs forza è il pilastro che regge questo mio percorso e mi fa andare avanti.
Voglio sognare ed immaginare questa giornata come se fossi Li , vivere la gioia di questo riconoscimento ,
Oggi non c è spazio per le lacrime , c è forse troppa rabbia in me , in chi mi è vicino e non riesce a comprendere i perché dei tanti No!
Voglio dire che la vita da Testimone di Giustizia non è facile, ma a volte quella ricerca di “perché “diventa una tortura.
Io non mollo, ma voglio che i Potenti sappiano che oggi non ha perso Ciliberto Gennaro, non ha perso il Testimone di Giustizia, non ha perso l’ uomo onesto, ma lo Stato, si perché uno Stato che non è  in grado di proteggere un Testimone non può vantare meriti o fare proclami elettorali.
Vi abbraccio forte ,popolo  degli onesti, e che  questa mia sofferenza  sia  di esempio per coloro che quotidianamente lottano contro la criminalità.

NON MOLLIAMO, RESTIAMO  UNITI.

Gennaro Ciliberto

Testimone di giustizia contro la camorra “spa”

1 Giugno 2014
Ore 10.00

Archivi