Un duro comunicato del PD di Fondi sugli incidenti provocati dal Sindaco di Fondi durante la manifestazionbe contro le mafie

FONDI E I FONDANI PROTAGONISTI DELLA LOTTA ALLE MAFIE

La bagarre messa in scena dal Sindaco di Fondi Luigi Parisella e dai suoi ultimi fedelissimi, con l’appoggio di qualche figuro, voleva trasformare in rissa una pacifica manifestazione politica indetta dall’Italia dei Valori. Questa provocazione è caduta fragorosamente nel vuoto e le centinaia di cittadini fondani presenti in Piazza Unità d’Italia, hanno fatto il vuoto attorno alle urla del Sindaco e dei suoi schierani.

Dimostrazione, se ce fosse stato bisogno, che la Città di Fondi sta iniziando a riprendersi quella coscienza civica e quella capacità di indignarsi contro chi, fino ad oggi, ha usato il proprio potere per estorcere il consenso. Ieri sera, in Piazza Unità d’Italia, il Sindaco Parisella e i suoi portaborse, non avevano come obiettivo quello di intimorire gli oratori presenti sul palco, cosa del tutto improbabile e impossibile, ma di dire in modo chiaro e diretto ai cittadini di stare lontani da quella manifestazione pacifica, civile e democratica. Si, era questo lo scopo del loro agitarsi in modo convulso: minacciare con la loro presenza fisica e con le loro telecamerine, che non hanno mai smesso di inquadrare uno ad uno i partecipanti alla riuscitissima manifestazione, di stare attenti.

Ma i fondani sono stanchi di sentirsi sotto ricatto dI questo gruppo affaristico che pensa di poter continuare ad usare il Comune come un’azienda privata. Al solo scopo di procacciare favori a coloro che erano disposti a rinunciare alla propria dignità di cittadini, sottomettendosi e condizionando il loro voto alle indicazioni di questi furbetti.

L’arroganza e la mancanza di rispetto per l’esercizio della libera espressione, diritto garantito dalla Carta costituzionale, sono stati stigmatizzati non solo dai partecipanti alla manifestazione ma, anche, da tantissimi cittadini vicini al centrodestra che si sono dissociati da questa sceneggiata.

Il Partito Democratico, insieme a tutte le forze politiche del centrosinistra, alle associazioni, ai cittadini che stanno dimostrando solidarietà e sostegno alla battaglia contro le mafie, ribadisce il proprio impegno per liberare Fondi da qualsiasi tentativo di consolidamento della malavita organizzata. Il primo passo decisivo dovrà essere la decisione nel merito della richiesta di scioglimento del Consiglio comunale.

E’ per questo che la manifestazione nazionale contro le mafie, indetta per il 25 settembre prossimo, dal Comitato permanente contro le mafie, che raggruppa tutte le forze politiche del centrosinistra, oltre che l’Associazione Murales-Arci, l’Associazione “A. Caponnetto e l’Associazione Il Cantiere Sociale, dovrà vedere la partecipazione di massa dei cittadini fondani. Solo loro possono essere i protagonisti della rinascita nella legalità e nella trasparenza della loro città

Fondi, lì 10 settembre 2009

Bruno Fiore, Coordinatore Partito Democratico Circolo di Fondi

Archivi