UN COMPORTAMENTO,QUELLO DI QUESTO COMUNE,LODEVOLE E CHE DOVREBBE INCORAGGIARE ANCHE ALTRI A FARE ALTRETTANTO.OTTIMO ESEMPIO,COMPLIMENTI !

Agguato di camorra davanti le scuole, il Comune parte civile

Il sindaco Pelliccia: «Il nostro no alla ferocia della camorra»

agguato di camorra davanti le scuole il comune parte civile

A Casalnuovo di Napoli, il 10 dicembre scorso, i killer fecero fuoco tra la folla ed ammazzarono il 26enne Giuseppe Ilardi. Un efferato omicidio avvenuto all’esterno di una scuola pubblica, in pieno giorno e durante l’orario d’uscita degli studenti. Una scia di violenza che, nelle settimane dopo l’omicidio, si è resa ancora più preoccupante per un agguato fallito organizzato nel giorno di Carnevale e per altri episodi criminosi registrati in seguito: il tutto da includere – secondo gli inquirenti – in una faida di camorra che vede contrapposti i clan Gallucci e Veneruso. Una scia di violenza che il Comune di Casalnuovo intende contrastare costituendosi parte civile nel procedimento penale scaturito a seguito della serrata attività investigativa svolta dalle forze dell’ordine in merito a gravi episodi criminosi avvenuti in città.

«La costituzione del Comune quale parte civile nel processo è un atto dovuto. E’ importante non solo per ribadire il nostro no alla ferocia della camorra – ha dichiarato il sindaco Massimo Pelliccia – ma anche per dare voce alla voglia di riscatto che già da tempo si respira in città. Con i nostri legali e con gli uffici comunali competenti proseguiamo lungo il percorso di contrasto alla camorra: il rispetto della legalità passa anche attraverso queste scelte processuali, che dimostrano la chiara e ferma volontà dell’amministrazione comunale di proseguire sulla linea della fermezza. Doveroso – ha concluso il primo cittadino – un ringraziamento alle forze dell’ordine per l’impegno quotidiano e per le azioni messe in campo a garanzia della sicurezza dei cittadini».

Oltre a costituirsi parte civile nei procedimenti per mafie che coinvolgano il proprio territorio, il Comune agirà in maniera da destinare l’eventuale risarcimento riconosciuto dal giudice penale a un fondo a sostegno delle vittime del racket e dell’usura, nonché al sostegno delle realtà associative assegnatarie di immobili confiscati alla criminalità organizzata.

 

Redazione Na

Archivi