Un approfondito esame da parte della nostra Associazione dell’efficienza delle forze dello Stato in campo a Latina e Frosinone contro le mafie

A CHI SEGUE IL FENOMENO DELL’OCCUPAZIONE DEL NOSTRO TERRITORIO DA PARTE DELLA MAFIE VIENE SPONTANEA LA DOMANDA: MA A CHE SERVONO A TAL SCOPO LE DUE PROCURE DELLA REPUBBLICA DI LATINA E DI FROSINONE?

E’ la domanda che ci poniamo da anni. Una domanda che resta senza una risposta, se non si vuole essere realistici…

Purtroppo, però, la realtà ci spinge ad essere più drastici.

Il nostro giudizio al riguardo è noto.

Non vogliamo essere ripetitivi, però.

Qualche giorno fa abbiamo rifatto un esame, aggiornato, della situazione esistente a Frosinone. Una situazione con luci ed ombre, più ombre che luci.

Il CSM ha deciso di sostituire il Procuratore Capo.

E questa è una notizia che ci apre alla speranza.

Come ci apre alla speranza la venuta di un ottimo Comandante provinciale della Guardia di Finanza, il Colonnello Salato, un Ufficiale eccellente che sta già dimostrando sul campo di avere grandi capacità investigative ed una gran voglia di fare.

I risultati già si vedono.

Restano, però, alcune situazioni che ci preoccupano e che riguardano i vertici della Questura, dei Carabinieri e della Prefettura.

Per quanto riguarda quest’ultima, il problema è in via di soluzione perché il Prefetto attuale va in pensione per raggiunti limiti di età.

Il Ministro dell’Interno ed il Comando Generale dell’Arma risolvano gli altri due problemi.

Lo abbiamo detto e ripetuto che in trincea si mandano le truppe ed i comandanti migliori. E Frosinone non è, come d’altra parte Latina, un territorio dove ci possono stare combattenti comuni…

Allora, dopo il Procuratore Capo, si sostituiscano anche Questore e Comandante Provinciale dei Carabinieri con uomini con larga esperienza sul versante della lotta alle mafie.

Archivi