Ulteriore intervento sul PUA di Sabaudia

ANCORA SUL PUA DI SABAUDIA

Ne abbiamo già trattato, chiedendo l’intervento della Magistratura competente.
Sul problema del PUA a Sabaudia, ora interviene nuovamente il nostro amico Geom. Franco Capitanucci, con una nota diretta alla Procura della Repubblica di Latina, alla Regione Lazio, ai Carabinieri di Sabaudia, alla Delegazione di Spiaggia, alla Guardia di Finanza di Sabaudia ed al Commissario del Parco Nazionale del Circeo, nota di cui pubblichiamo ampi stralci.

Premesso che con nota del 26.4.2007 prot.9830 Franco Capitanucci ha chiesto, invano, al Commissario Prefettizio del Comune di Sabaudia di conoscere… qual’è l’arenile demaniale destinato a FINALITA’ SOCIALI in favore della colonia estiva Giocomare 2007, la nota così prosegue:

“… lo scrivente prendeva cognizione delle reali intenzioni del Comune di Sabaudia, che con istanza a firma congiunta del Commissario Prefettizio e del Capo Settore Ambiente, chiedeva all’Ente Parco Nazionale del Circeo il parere di competenza per l’installazione di n.2 ombraie di circa 100 mq. cadauna in struttura leggera di facile rimozione con copertura in telo frangisole da ubicarsi sull’arenile demaniale sito al km.26, 900 della Strada Lungomare Pontino per i mesi di luglio e agosto 2007, come avvenuto negli anni 2005 e 2006 e cioè nella zona a tutela integrale-Fruizione in Naturalità- (nota prot. n.842 del 5.4.2007) allo STATO BRADO.

Il Parco Nazionale del Circeo esprimeva parere favorevole, reiterando inutilmente quanto già richiesto negli anni 2005 e 2006 circa gli impedimenti afferenti la mancata collocazione delle attività sociali all’interno delle aree all’uopo previste nel Piano di utilizzazione degli arenili, preavvertendo che non saranno più concesse deroghe per gli anni a venire.

La risposta la può fornire lo scrivente:

– L’ACCORDO DI PROGRAMMA per l’approvazione del PUA, sorretto dal DPGR dell’1.8.2002 n.376 prevede sul tratto C due concessioni demaniali riservate al Comune di Sabaudia denominate A8 e A10 per FINALITA’ SOCIALI; arenili che sono stati sottratti dal Sindaco Salvatore Schintu ai cittadini di Sabaudia meno abbienti, alle Colonie estive locali e di altri paesi non rivieraschi.

Nel seguente modo:

– Arenile A8 del tratto C Strada Lungomare Pontino km 30, 200, autorizzazione n.01 art.45 bis Codice di Navigazione rep. n.37 dl 18.5.2004 rilasciata a Carlo Parodi Presidente della Cooperativa “La Capanna “ per la durata di 4 anni rinnovabile, avente scopo di lucro.

– Arenile A 10 del tratto C Strada Lungomare Pontino Km.30, 450, concessione n.10 del Reg. rep.36 del 13.5.2004 registrata presso l’Agenzia delle Entrate Ufficio di Latina il 14.7.2004 al n.4874 serie 3 e rilasciata dall’Ing. Vincenzo D’Arcangelo al Comune di Sabaudia, rappresentato dal Dott. Salvatore Schintu in qualità di Sindaco pro-tempore, per la durata di ANNI 6 (dall’1.5.2004 al 30.4.2°10) rinnovata per altri 6 anni e così successivamente ad ogni scadenza, allo scopo di mantenere uno stabilimento balneare per finalità sportive e con utilizzo per l’intero anno, cioè fisso.

La trasformazione della Concessione A 10 rilasciata dal Comune per FINALITA’ SOCIALI è stata arbitrariamente modificata in FINALITA’ SPORTIVE su proposta dell’Assessore al Demanio Marittimo Luca Mignacca con D.G.C. n.70 del 21.5.2003, commettendo un FALSO CLAMOROSO, ripetuto nella D. G. C. n.50 del 27.4.2004. Tali abusi sono stati commessi per l’inosservanza dell’art.3 dell’ACCORDO DI PROGRAMMA CHE PREVEDE LA COSTITUZIONE CON ATTO FORMALE DI UN Collegio di Vigilanza sugli atti di gestione del PUA, COLLEGIO MAI COSTITUITO.

Indipendentemente dalla illegittima metamorfosi operata dall’Esecutivo con le succitate deliberazioni di G. C. n.70/2003 e n.50/2004, assunte apoditticamente senza il parere favorevole della Regione Lazio, lo scrivente rimanda le Istituzioni in indirizzo alla lettura della denuncia del 18.12.2006, pagine 5, 6, 7 e della successiva integrazione del 20.2.2007, entrambe rimesse alla Procura della Repubblica di Latina, in cui sono descritte le operazioni di copertura della concessione demaniale A10 (Finalità Sociali) con successive Autorizzazioni rilasciate ai sensi dell’art.45 bis/C. N. a favore dell’ANMI e di Iannone Giuseppe scadenti l’11.3.2009.

Per la stagione balneare in corso si spera nell’intervento degli Enti preposti al controllo. F.to Franco Capitanucci “

Anche noi confidiamo vivamente in un intervento ENTRO LA STAGIONE BALNEARE IN CORSO.

Archivi