Tutta la precarietà davanti

Stanno per iniziare le feste ma per molti sta anche terminando il contratto: a tempo determinato, a progetto, o altre diavolerie. Secondo un bel rapporto presentato ieri dal centro di ricerca NENS l’Italia è uno dei Paesi più ingiusti del mondo ricco e molto di questa disuguaglianza proviene dalla precarietà del lavoro.

Anche se non si perde il posto, la precarietà è un “infortunio” che ci si trascina dietro per tutta la vita come scrive Pietro Garibaldi sulla Stampa di oggi. Vediamo perché.

1. I dati sono della Banca d’Italia: il 10% più ricco della popolazione italiana possiede il 45% dell’intera ricchezza netta in mano alle famiglie.  Il 50% delle famiglie guadagna meno di 26mila euro annui.

2. Le disuguaglianze sono aumentate più significativamente durante gli anni ‘90: quelli in cui, per intenderci, il centrosinistra è stato molto a lungo al governo. La precarizzazione del lavoro è la maggiore causa di questa crescita secondo Michele Raitano e Maurizio Franzini che hanno redatto il rapporto di NENS. In pratica una volta la grande differenza la faceva lavorare o non lavorare, ora la distinzione passa all’interno dello stesso posto di lavoro: magari tra il manager iper-pagato e il super-precario.

3. Già oggi i precari e i giovani stanno portando il peso più grande della crisi: su mezzo milione di persone che ha perso il lavoro nel 2009, 220 mila avevano un contratto a termine e 150mila erano catalogati come lavoratori autonomi, tra cui le partite IVA e i contratti a progetto. Secondo le inchieste dell’Istat, tra questi ultimi il 40% dichiara di non avere alcun progetto e di essere semplicemente un dipendente mascherato. Il tasso di disoccupazione giovanile è passato dal 18% del 2008 al 27% degli ultimi mesi. Un aumento, in proporzione, del 50%.

4. Scrive oggi Pietro Garibaldi sulla Stampa che la disoccupazione giovanile fa male a chi ne è vittima: perché si accumula meno formazione e meno esperienza, perché si maturano meno contributi, perché, lo dimostrerebbero delle ricerche inglesi, si avrebbero effetti di lungo periodo anche sulla salute.

5. La precarietà e la disuguaglianza che essa crea non sono una malattia incurabile della modernità. Si può fare più di qualcosa e forse il centrosinistra potrebbe cominciare a proporlo (anche se forse le stesse persone che hanno creato il problema sono poco credibili come risolutori). Si può per esempio prevedere un contratto unico, a tempo indeterminato e a garanzie crescenti. Si può introdurre un salario minimo nazionale, per evitare la vergogna dei “working poors”, quelli che lavorano, magari tanto, ma rimangono sempre o poveri o dipendenti da altri. E poi si può fare un sussidio di disoccupazione universale, che arrivi a tutti e non solo alle categorie protette. Di queste misure, solo l’ultima costerebbe alle casse dello stato. Le altre sono costose per la politica.

Già, la politica.

Mattia Toaldo

(Tratto da Italia2013)

Archivi