Truffa all’Ue con l’ortofrutta dei poveri: D’Angelis scarcerato

Truffa all’Ue con l’ortofrutta dei poveri: D’Angelis scarcerato

Martedì 14 giugno 2016 – 9:18

di Mirko Macaro

E’ stato scarcerato Giampaolo D’Angelis, uno dei quattro pontini coinvolti nell’inchiesta sulla truffa milionaria all’Unione Europea con tonnellate di ortofrutta destinate ai poveri e invece riciclate, secondo le indagini, per essere vendute illecitamente sul mercato nazionale ed estero. Nella giornata di ieri, lunedì, la notifica della sostituzione della precedente misura restrittiva, che dallo scorso 2 febbraio aveva portato il 44enne D’Angelis, nativo di Formia e assistito dall’avvocato Enrico Cellini, ad essere associato alla casa circondariale di Cassino: è stato trasferito ai domiciliari presso la sua abitazione di Itri.

A metà della settimana passata era tornato a piede libero, con obbligo di firma, il 25enne d’origine salentina ma residente a Fondi Domenico Cioffi, che al termine del blitz di febbraio era stato posto ai domiciliari. Per il padre Alfonso Cioffi, 51enne residente anche lui nella Piana, dov’è titolare di una ditta nell’ambito del Mof, si è ancora in attesa dell’esito della richiesta di sostituzione della custodia cautelare in carcere, avanzata dall’avvocato Enzo Biasillo: inizialmente ristretto a Latina, adesso, dopo un recente trasferimento legato a un interrogatorio poi mai avvenuto, si trova nella casa circondariale di Lodi.

Sia per D’Angelis che per i Cioffi nei giorni scorsi il giudice per le indagini preliminari di Lodi ha emesso un decreto di giudizio immediato, in accoglimento della richiesta firmata dal pubblico ministero Sara Mantovani. Il quarto pontino finito nelle maglie dell’inchiesta, il 37enne di Fondi A.P., l’unico a non essere stato oggetto di misure cautelari, è invece avviato al rito ordinario.

fonte:www.h24notizie.com

Archivi