TRIBUNALI SI’,TRIBUNALI NO.SI RIPROPONE IL PROBLEMA

IL NUOVO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA HA MANIFESTATO IL PROPOSITO DI RIDISEGNARE LA GEOGRAFIA GIUDIZIARIA AL FINE DI RENDERLA PIU’ ADEGUATA ALLE ESIGENZE DEL PAESE.

CON LA VOLONTA’ MANIFESTATA DAL NUOVO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA BUONAFEDE DI RIVEDERE LA GEOGRAFIA GIUDIZIARIA DEL PAESE DECISA DAL PRECEDENTE GOVERNO E DI TENER CONTO DELLE REALTA’ TERRITORIALI, CI SI APRE UN NUOVO FRONTE DI IMPEGNO.

IERI SERA L’AVVOCATO GERARDO TOMMASONE, RAPPRESENTANTE LEGALE DELL’ASSOCIAZIONE CAPONNETTO NELLA CAMPANIA, GIA’ CI PONEVA IL PROBLEMA DELLA CREAZIONE DI UN TRIBUNALE E DI UNA PROCURA A GIUGLIANO E DI UNA RIPARTIZIONE PIU’ EQUA E FUNZIONALE DELLE COMPETENZE FRA I PRESIDI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE E DI NAPOLI NORD.

A QUESTO PUNTO SI PONE A CHI SCRIVE LA DOMANDA SE HA FATTO BENE O MALE QUANDO, SOTTO L’IMPULSO DI ALCUNI AVVOCATI DI FORMIA, TELEFONO’ AL COMPIANTO GIUDICE MARIO ALMERIGHI, COMPONENTE DELLA COMMISSIONE CHE STAVA DISEGNANDO LA MAPPA DEI TRIBUNALI CHE SI DOVEVANO ELIMINARE O SALVARE, PER PERORARE LA CAUSA DELLA SALVEZZA DI QUELLO DI CASSINO, DOPO CHE ERANO STATI SOPPRESSI I PRESIDI DI GAETA E DI TERRACINA, I QUALI PERO’ NON ERANO DEI TRIBUNALI VERI E PROPRI PERCHE’ PRIVI DI PROCURE E DI SQUADRE DI POLIZIA GIUDIZIARIA ,MA SEMPLICEMENTE SEZIONI DISTACCATE DEL TRIBUNALE DI LATINA. NATE MALE NON POTEVANO QUINDI FINIRE ALTRETTANTO MALE E NON DI CERTO BENE..

IL MOVENTE DI TALE NOSTRA RICHIESTA AL GIUDICE ALMERIGHI ERA CHE IL TRIBUNALE E LA PROCURA DI CASSINO AVREBBERO DOVUTO RAPPRESENTARE QUEL CAPOSALDO DELLO STATO AL CONFINE ESTREMO DELLA CAMPANIA CON IL LAZIO PER IL CONTENIMENTO DELL’AVANZATA DELLA CAMORRA DALLA PRIMA VERSO IL SECONDO, COSA CHE PURTROPPO NON E’ AVVENUTA E STA AVVENENDO PER VARIE RAGIONI, NON ULTIMA QUELLA DELLA MANCATA ASSEGNAZIONE DELLE CODELEGHE DA PARTE DELLA PROCURA GENERALE DI ROMA.

IN VIRTU’ DI CIO’,CI SI PONE IL PROBLEMA DI UNA RICONSIDERAZIONE DELL’UTILITA’ DI UN TRIBUNALE A GAETA CHE ASSOLVA AL RUOLO VENUTO MENO A CASSINO, STANTE LA GRAVITA’ DEL FENOMENO MAFIOSO IN TUTTO IL BASSO LAZIO

 

ASSOCIAZIONE ANTONINO CAPONNETTO

Il segretario nazionale

Elvio di Cesare 

Archivi