Trema la camorra di Marano: nei pizzini e documenti del boss Orlando i segreti della cosca

Trema la camorra di Marano: nei pizzini e documenti del boss Orlando i segreti della cosca

Di Redazione Internapoli – 27 novembre 2018

Ai primi segnali dell’arrivo dei carabinieri Antonio Orlando ha provato a bruciare documenti, pizzini nel tentativo di non lasciare altre tracce. All’alba il boss ‘Mazzolino’ ha tentato di sbarazzarsi del materiale compromettente come ordini agli affiliati e sui segreti della cosca. Alla fine i militari dell’Arma hanno catturato il latitante maranese che si è arreso immediatamente: l’operazione è stato l’atto finale delle accurate indagini della Procura di Napoli.

Il 60enne è ritenuto il reggente del clan camorristico degli “Orlando-Nuvoletta-Polverino” operante nell’Hinterland a Nord del capoluogo campano. L’uomo, inserito nell’elenco dei i latitanti più pericolosi d’Italia, era ricercato da 15 anni avendo a uso carico 2 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere per associazione di tipo mafioso emesse dal GIP su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

 

fonte:https://internapoli.it/

 

Archivi