Tre problemi da affrontare, tre obiettivi da perseguire da parte dell’Associazione Caponnetto.

Tre sono i problemi che abbiamo appena posto sui tavoli romani e che dovremo riprendere appena il nuovo Governo si sarà insediato:
1) la costituzione degli Osservatori COMUNALI sulla criminalità, Osservatori che dovranno essere formati, A COSTO ZERO E SENZA I SOLITI GETTONI DI PRESENZA, dal Sindaco, dai Comandanti provinciali delle Forze dell’Ordine e delle associazioni antimafia effettivamente operanti e non quelle che appaiono solo sulla carta;
2) l’applicazione dell’art.51 comma 3 bis del Codice di Procedura Penale in modo da attivare le Procure della Repubblica ordinarie del Lazio, come fanno già da anni quelle della Campania, anche in materia di reati associativi di natura mafiosa (416 bis cp);
3) il riconoscimento ai TESTIMONI DI GIUSTIZIA di tutti i diritti previsti dalla legge e, soprattutto, di un trattamento ad ognuno di essi più umano e rispettoso, quello che si deve ad una nobile categoria di cittadini perbene che hanno messo la loro vita a repentaglio per sostenere lo Stato di Diritto contro il crimine organizzato.
Tre problemi, tre obiettivi per un’Associazione seria qual’è la Caponnetto, che dobbiamo affrontare e perseguire con determinazione da oggi in avanti.
Fino alla loro soluzione!!!

Archivi