Traffico di rifiuti e appalti, maxi inchiesta della Procura di Napoli

Traffico di rifiuti e appalti, maxi inchiesta della Procura di Napoli,CI FA PIACERE CHE LA PROCURA DI NAPOLI ABBIA ASSUNTO QUESTA  INIZIATIVA CHE VA ALLA RADICE DEL PROBLEMA DELLA GESTIONE DEGLI APPALTI DELLA RACCOLTA,DEL TRASPORTO E DELLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI AFFIDATI ALLE CURE DEI COMUNI E CI AUGURIAMO CHE,NEL QUADRO DI QUESTA ATTIVITA’,ESSA VOGLIA AFFRONTARE ANCHE IL PROBLEMA COMPLESSIVO DELLE RESPONSABILITA’ DI COLORO CHE NON ABBIANO OTTEMPERATO AI LORO DOVERI ANCHE NELLE SITUAZIONI NON SOLO ATTUALI MA SOPRATTUTTO PREGRESSE.

 

Il Mattino, Martedì 13 Novembre 2018

Traffico di rifiuti e appalti, maxi inchiesta della Procura di Napoli

La Procura di Napoli sta indagando su presunti «traffici organizzati di rifiuti, realizzati nel quadro di una vasta e ramificata attività di illecito condizionamento delle funzioni pubbliche deputate alla gestione del ciclo dei rifiuti in Campania e, in particolare, alla gestione degli appalti dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento affidata alle cure di amministrazioni comunali». Lo rende noto il procuratore Giovanni Melillo.

«Le indagini – scrive in una nota il procuratore – sono volte anche a verificare la presenza, in alcuni settori della filiera produttiva e con riguardo a specifiche ipotesi di fraudolento condizionamento delle aggiudicazioni di appalti e delle scelte di pubblici amministratori e funzionari, di soggetti d’impresa e di interessi della criminalità organizzata».

La Procura di Napoli sta facendo eseguire verifiche dai carabinieri per la Tutela Ambientale relativamente «ai comuni di Caserta, Aversa, Cardito, Casandrino, Sant’Arpino, Recale e Casalnuovo, tra il Napoletano e il Casertano. Le verifiche riguardano anche società in house della Regione Campania (Campania Ambiente e Servizi spa) e della Città Metropolitana di Napoli (Sapna spa)»

Archivi