Testimoni di Giustizia presi in giro da questo Stato. Renzi,Alfano e Bubbico vergognatevi!!!!!!!!!

Mafia: testimoni giustizia, legge assunzione nella PA è rimasta al palo

Visite: 119
  • Stampa
  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo

cutro-c-giuseppe-cutro

26 marzo 2015
“Più che una realtà concreta è un modello di assoluta inadeguatezza. La legge che prevede l’assunzione dei testimoni di giustizia nella pubblica amministrazione è rimasta al palo e le Istituzioni tacciono. Manca una legge che prevede la confisca dei beni ai corrotti e le Istituzioni tacciono, ci sono leggi che affermano il principio vergognoso che in materia di lotta alle mafie si può essere vittima di serie A, B e C e le istituzioni tacciono, gli imprenditori ed i commercianti che denunciano finiscono con il chiudere le aziende, morire politicamente, socialmente ed economicamente e le Istituzioni tacciono”. E’ la denuncia dell’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia. Il Presidente Ignazio Cutrò (in foto) si riferisce, in particolare, al convegno su “Il contrasto delle mafie nella dimensione parlamentare, regionale e locale”. “Il modello italiano di lotta alle mafie è un modello “stanco e surreale”, fatto di pacche sulle spalle e di seminari autoreferenziali, dove si annunciano promesse poi puntualmente smentiti dalla realtà concreta – dice – Il modello italiano è davvero un brand da esportare in Europa e nel mondo? Forse c’è bisogno di più coerenza e dignità da parte delle nostre istituzioni parlamentari, regionali e locali e soprattutto, di lealtà nei confronti dei cittadini onesti rimasti, oramai, orfani di “genitori viventi””. 

Archivi