Terracina: un caso da chiarire

Leggendo sul sito del Comune di Terracina abbiamo trovato qualche tempo fa, nel capitolo relativo agli incarichi affidati da quella Amministrazione a consulenti esterni, il nome di una funzionaria della Procura della Repubblica di Latina.

Può darsi che si tratti di un caso di omonimia.

Aspettiamo al riguardo chiarimenti.

Nel caso di una conferma positiva, però, vorremmo fare qualche considerazione.

Nulla da eccepire sul piano sostanziale.

Non sappiamo se i regolamenti del Ministero della Giustizia consentano al personale amministrativo dipendente di assumere incarichi esterni retribuiti.

Può anche darsi che la dipendente in questione abbia qualità tali da renderla utile ad un’Amministrazione di un Comune importante, ma pieno di problemi, qual’è quello di Terracina.

Certo è, però, che, sul piano dell’immagine, decisioni del genere potrebbero ingenerare la sensazione che possa trattarsi di un tentativo di qualche amministratore di guadagnarsi la benevolenza della Magistratura inquirente.

Qualche chiarimento al riguardo sarebbe quanto meno opportuno.

Archivi