Terracina, dopo Fondi: un terremoto! Si indaghi a fondo

TERRACINA, DOPO FONDI: UN TERREMOTO!

Terracina, una montagna di illegalità. Un intero castello che salta, in provincia di Latina. Un sistema di clientele, di favoritismi, di… domande inquietanti. , di illegalità… E… di presenze inquietanti…

Più volte lo abbiamo denunciato, chiedendo anche la nomina di una Commissione di accesso agli atti.

Ora a far saltare il tappo ci ha pensato il povero Dr. Martino, segretario generale del Comune, uccisosi la settimana scorsa. Qualcuno dice “ucciso”, costretto al gesto estremo da una situazione ritenuta insostenibile da una persona onesta come era il dirigente.

Adesso, però, non bisogna limitarsi a scavare semplicemente sulle ragioni che hanno indotto quest’uomo al gesto estremo. Bisogna andare “oltre”, cercando di capire i collegamenti, se ce ne sono, fra gli ambienti politici ed amministrativi e soggetti o gruppi esterni, politici e non.

Terracina, con Fondi, Formia e Gaeta, sono le città del sud pontino indicate dalla Direzione Nazionale Antimafia come le più infiltrate dalle mafie.

La magistratura e le forze dell’ordine pontine non possono ignorare tutto ciò.

La Guardia di Finanza e la Procura della Repubblica di Latina debbono scavare più a fondo di quanto hanno fatto finora.

Archivi