Tentativi di infiltrazioni sospette nel tessuto socio-economico di Monte San Biagio, a pochi chilomentri sia da Fondi che da Terracina

ANCORA SEGNALI INQUIETANTI DI INFILTRAZIONI SOSPETTE NEL TESSUTO SOCIO-ECONOMICO DI MONTE SAN BIAGIO, A POCHISSIMI CHILOMETRI SIA DA FONDI CHE DA TERRACINA

Ancora segnali inquietanti di infiltrazioni sospette nel tessuto socio –economico di Monte San Biagio, a pochissimi chilometri sia da Fondi che da Terracina, due città, queste ultime, indicate dalla Direzione Nazionale Antimafia come fra le più infiltrate dalle organizzazioni mafiose nel Lazio.

Al fiume inarrestabile di sostanze stupefacenti ed ai numerosi episodi violenti denunciati nei mesi scorsi, si aggiungerebbero oggi tentativi veri e propri di accaparramento di pezzi di economia.

Era prevedibile, considerata anche la collocazione geografica di questo ridente centro collinare, dotato anche di uno scalo ferroviario e di una rete stradale importanti che lo collegano in poche decine di minuti con il MOF di Fondi, con il litorale pontino, con la Ciociaria e con l’Autosole.

Soggetti provenienti da regioni storicamente considerate fortemente infiltrate da organizzazioni criminali starebbero tentando di acquisire, oltre a terreni, anche attività economiche.

Invitiamo le forze dell’ordine ad intensificare la vigilanza al fine di evitare che tali tentativi vadano in porto.

LA SEGRETERIA

Archivi