Tar Lazio accoglie ricorsi, consiglieri Regione Lazio ridotti a 70

Devono essere 70 e non 73 i consiglieri regionali del Lazio. Lo ha stabilito il Tar del Lazio che ha accolto il ricorso presentato dal Movimento Difesa del Cittadino e dal Pd. ”I nostri ricorsi – ha detto all’ADNKRONOS l’avvocato dei ricorrenti Gianluigi Pellegrino – sono stati accolti pienamente perche’ vengono annullate le elezioni di tre consiglieri del centrodestra: uno del Pdl e due della lista Polverini Presidente, per contrasto con lo statuto regionale che prevedeva un massimo di 70 consiglieri piu’ il presidente”.

A decadere sono Enzo Di Stefano e Gianfranco Sciscione della Lista Polverini e Giancarlo Gabbianelli per la lista Pdl.

”E’ stato rispettato lo statuto e si e’ evitato che si applicasse un meccanismo assurdo, come quello del vecchio Tatarellum – ha precisato l’avvocato Gianluigi Pellegrino – secondo il quale con meno voti si prendevano piu’ consiglieri, sistema che per fortuna lo statuto del Lazio ha superato”. ”La giustizia – ha sottolineato – ha prestato quella coerenza che la politica non ha avuto: nel Lazio mi sono trovato a sostenere il centrosinistra e in Puglia il centrodestra, risultando vani gli appelli a un accordo della politica che fosse coerente con i programmi volti a diminuire i costi e gli sprechi”.

”La decisione del Tribunale amministrativo del Lazio riporta la legalita’ all’interno del Consiglio regionale del Lazio e riconosce pienamente la fondatezza delle ragioni che ci hanno spinto a presentare il ricorso”, ha dichiarato il capogruppo del Pd al Consiglio regionale del Lazio, Esterino Montino.

(Tratto da Padova News)

Archivi