Sono Preoccupato. Sono molto preoccupato per quanto sta avvenendo nel sud pontino”, ha detto il Presidente della Giunta Regionale del Lazio Piero Marrazzo. Ma cosa si sta facendo di serio?

“SONO PREOCCUPATO, MOLTO PREOCCUPATO PER QUELLO CHE ACCADE NEL SUD PONTINO”, GRIDA MARRAZZO, PRESIDENTE DELLA GIUNTA DELLA REGIONE LAZIO. MA NESSUNO INTERVIENE PER UNA DERIVA CHE RISCHIA DI TOGLIERE UN PEZZO IMPORTANTE DELLA REGIONE AL CONTROLLO DA PARTE DELLO STATO. E TUTTO CIO’ SI VERIFICA MENTRE IL MINISTRO DELL’INTERNO MARONI, A DISTANZA DI 4 MESI DALLA RICHIESTA, DA PARTE DEL PREFETTO DI LATINA, DI SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI FONDI, ANCORA TENTENNA!

Lo Stato vuole combattere o no seriamente le mafie nel Lazio?

O vuole che questa Regione cada definitivamente nelle mani della criminalità organizzata? E, se vuole combatterla, perché non affronta il problema dell’inadeguatezza dei vertici giudiziari ed investigativi locali che ancora credono di combattere la più grande IMPRESA del Paese con ottiche e strategie da “ordine pubblico”?

C’era un Colonnello dei Carabinieri, Leonardo Rotondi, che ha rivelato grandi capacità investigative ed è stato mandato via da Latina. Trasferito, dopo le indagini fatte su Fondi, al comando del gruppo carabinieri del Ministro Gelmini!

La Guardia di Finanza indaga poco sulla “provenienza” e sulla “tracciabilità” della montagna di capitali che sono stati investiti e vengono investiti tutti i giorni sul territorio pontino. Eppure essa è presente massicciamente su questo territorio, anche a Fondi dove si è ammazzato il suo Comandante Capitano Fedele Conti!!!

La Procura della Repubblica di Latina tranquillizza e sostiene che… le mafie non hanno il controllo del territorio pontino!!! Non capiamo cosa si intenda per “ controllo del territorio”.

A Roma, nei Ministeri e nei Comandi Generali, sanno di tutto ciò, ma non intervengono.

Allora, se non si ha il coraggio di denunciare tutto ciò, appaiono retoriche le dichiarazioni del Presidente della Giunta Regionale Marrazzo secondo il quale serpeggia forte la preoccupazione.

“Sono preoccupato. Sono molto preoccupato per quello che accade nel sud pontino: I segnali sulla presenza della camorra e della ‘ndrangheta sono tanti e non possiamo sottovalutarli. Per questo farò in modo che sui temi della legalità a breve si possa tenere un Consiglio Regionale proprio nel sud della provincia: Inviteremo i rappresentanti delle amministrazioni locali. E chi non parteciperà dovrà assumersene le responsabilità “, ha dichiarato di recente

Probabilmente andranno tutti, forse anche quelli indagati! Il problema, però, non è questo!

Se non si avrà il coraggio di dire pane al pane e vino al vino, se non si comincia ad elevare l’indice accusatore nei confronti dei responsabili, diretti od indiretti, di tutto ciò, se non si comincia a guardare ai “piani alti” e si smette di andare ad acchiappare la manovalanza, gli esecutori di ordini che vengono dall’alto, se non si comincia ad indagare sugli “arricchimenti improvvisi”, sui “colletti bianchi”, sulle collusioni fra mafia, politica ed istituzioni, se si continuerà a guardare le mafie come un soggetto che viene da fuori, da altre regioni solamente, allora si continuerà a macinare aria fritta.

Marrazzo ed i suoi collaboratori lo capiscono???

Archivi