Situazione difficile nella Procura della Repubblica di Frosinone

«La situazione della Procura della Repubblica di Frosinone assume di giorno in giorno una connotazione sempre più drammatica, con il rischio, a breve termine, di essere ingestibile e tale da non garantire più la regolarità di alcuni servizi per grave carenza di personale amministrativo». E’ l’allarme lanciato ieri dal Procuratore Margherita Gerunda, che ha fatto il punto dell’organico (37 unità) in forza alla Procura mettendo in evidenza la situazione, tra lavoratori part-time, assenze per motivi personali e di malattia, prossimi trasferimenti e congedi. «Tale situazione – afferma Gerunda – ha pregiudicato seriamente l’Ufficio Udienze (dove oltre al responsabile mancano ben due unità), il Casellario Giudiziale e via via altri servizi. In conclusione la pianta organica risulta priva di 7 unità di personale e altre 4 unità sono presenti solo due giorni a settimana. La contraddizione è che, nonostante agli atti dell’ufficio siano presenti istanze di trasferimento a questa Procura di dipendenti di altre Amministrazioni, il Ministero non intende darvi corso sino a quando non avrà predisposto la nuova pianta organica, che non potrà mai essere inferiore al numero dei dipendenti che praticamente risulta in servizio. Oltretutto, con l’arrivo di un altro Sostituto Procuratore non esiste, al momento, la possibilità concreta di affiancargli una unità qualificata, come assistente». Il Procuratore, dunque, ha annunciato che è allo studio un programma che prevede di «ridurre l’orario dei servizi al pubblico, decisione dolorosa, ma necessaria».

(Tratto da IlMessaggero.it)

Archivi