Silvio c’è, ma lavora solo per sè, non per voi

Dall’odierno articolo di fondo di Eugenio Scalfari, riporto alcune sue annotazioni sull’ormai tristemente noto “processo breve”:

“…..Non sto a ripetere le caratteristiche che rendono inaccettabile l’ennesima legge “ad personam”, l’inverecondo salvacondotto che il potente imputato reclama. Ne accennerò soltanto alcuni.

Primo: le leggi che cambiano le procedure giudiziarie non sono mai retroattive, riguardano i nuovi processi e non quelli in corso. Quando le loro disposizioni sono più favorevoli per gli imputati, quelli dei processi in corso possono chiederne l’applicazione che viene decisa dal giudice. Nel nostro caso invece la retroattività è disposta dalla legge.

Secondo: l’elenco dei reati esclusi dal processo breve contiene casi incongrui e stridenti rispetto all’ordinamento. Si include nel processo breve la corruzione e la concussione, ma si esclude invece il furto e il reato di clandestinità per il quale la pena edittale prevede una semplice contravvenzione. Sono soltanto due esempi, ma molti altri ce ne sono e certamente emergeranno durante l’iter parlamentare.

Terzo: cadranno in prescrizione decine di migliaia di processi alcuni dei quali molto gravi, lasciando senza giustizia le parti offese e “graziando” fior di mascalzoni.

Quarto: il processo breve è riservato agli imputati in primo grado di giurisdizione e non riguarda per ora quelli del secondo e del terzo grado.

Esistono insomma ragioni plurime di discriminazione e altrettanto plurimi motivi di incostituzionalità. Vedrà il presidente della Repubblica se – a legge approvata – quei motivi risulteranno manifestamente fondati oppure saranno rimessi al vaglio della Corte costituzionale.
Ricordo soltanto che la legge Alfano è stata cancellata dalla Corte perché discriminava.
Quali che siano stati gli artifici dell’avvocato Ghedini, questa legge è altrettanto discriminatoria e “personale”, con la differenza aggravante di recare vistosi danni all’ordinamento che invece non era toccato dalla legge Alfano.
Insomma una pezza a colore che rende il buco ancor più evidente…..”

(Tratto da Repubblica)

Archivi