Siamo proprio alla frutta

INCHIESTE SU INCHIESTE, MA NON SI ARRIVA MAI A COLPIRE IL CUORE DEL “SISTEMA” IN PROVINCIA DI LATINA. SE NON E’, QUESTA, UNA VERA E PROPRIA “EMERGENZA DEMOCRATICA”!!!

Un’Amministrazione provinciale che vuole delegare ad un organismo privato l’incarico di indagare sugli investigatori istituzionali sul “caso Fondi”.

Un attacco continuo ad un Prefetto della Repubblica ed alle forze dell’ordine che hanno osato indagare sullo stesso “caso”.

Il trasferimento dello stesso Prefetto, reo di aver compiuto il suo dovere.

E, poi, tutta una serie di altri comportamenti e fatti per intimidire la stampa, come nel “caso Sabaudia”, come la delibera che in sostanza vorrebbe impedire ai cronisti di scrivere su alcune situazioni, come quelle che riguardano la presenza mafiosa sul territorio, in quanto gli articoli potrebbero essere ritenuti lesivi dell’immagine della città.

Per non parlare dell’esito del “caso Fondi” che grida vendetta agli occhi di tutti gli italiani onesti.

Se non è questa “emergenza democratica”!

Con un’opposizione che sta zitta, che non protesta che molto debolmente, che tace in Parlamento e nelle piazze!

Con indagini limitate a singoli fatti, che non conducono mai ad un unicum, ad un quadro sulla presenza asfissiante di camorra, ’ndrangheta, cosa nostra, ex banda della magliana e mafie straniere.

E con gli affari di queste che continuano, incontrastati adeguatamente, con e la devastazione di gran parte del patrimonio economico, ambientale, naturalistico di questa disgraziata provincia pontina e con investimenti di montagne di capitali sulla cui origine non si va mai, o quasi, a scavare.

Talvolta con complicità sfacciate di uomini della politica e delle istituzioni e con un’opinione pubblica cloroformizzata per lo più da campagne di disinformazione, denigratorie e sfiduciata.

Di tutto e di tutti.

Siamo alla frutta.

Archivi