SIAMO ALLIBITI !!!!!!!!!. SENZA PAROLE!!!!!|!!!!!!!!!!!!!!!

Tar respinge richiesta Gallo che denunciò camorra
In carcere finì anche Cosentino ma non può aprire pompa benzina

(ANSA) – ROMA, 14 SET – Il Tar della Campania ha respinto oggi la richiesta avanzata dai legali di Luigi Gallo di immediata sospensione del provvedimento assunto da Anas: Gallo dunque non può riprendere i lavori di allestimento dell’impianto di erogazione di carburanti, a meno che il tribunale decida diversamente quando entrerà nel merito. La vicenda di Gallo è nota alle cronache perchè l’uomo ha denunciato la camorra e i suoi estorsori, le sue dichiarazioni hanno portato all’arresto di 13 persone, tra cui l’ex sottosegretario Nicola Cosentino e due suoi fratelli, è stato riconosciuto come vittima dal Fondo per gli usurati che gli aveva assegnato oltre 400 mila euro ma, a causa di un contenzioso con l’Anas, quei soldi gli sono stati recentemente revocati dato che sono scaduti i 12 mesi per il loro utilizzo. “Ringrazio i miei legali, continuo ad avere fiducia nelle istituzioni ma a Napoli ci sono dei poteri forti e sono questi che mi contrastano”, commenta oggi con l’ANSA lo stesso Gallo. In merito alla vicenda, nelle scorse settimane, Anas aveva fatto sapere che non era stato possibile “procedere con il vecchio disciplinare del 2001, in quanto i lavori non erano mai stati attivati e quindi quando è pervenuta la nuova richiesta del signor Gallo era intervenuto il cambio di normativa cui Anas non poteva derogare. La parola fine su questa vicenda spetta al giudice amministrativo, cui Anas ovviamente darà seguito”. Un appello ad Anas arriva dal deputato Pd Davide Mattiello. “Si può morire in attesa che la giustizia faccia il suo corso. Ribadisco l’invito al presidente Armani di Anas: sulla vicenda Gallo ci vuole una assunzione di responsabilità”, dice il deputato, componente della Commissione Antimafia. “Certo – ragiona – il Tar si pronuncerà nel merito e il rigetto odierno lascia del tutto impregiudicato tale passaggio. Ma la vicenda, seguendo i ritmi della giustizia amministrativa, rischia di protrarsi troppo e arrivare a conclusione col ‘paziente ormai defunto’. Il presidente Armani che si è trovato la corruzione in casa quando è diventato presidente, sa quanto certi segnali siano importanti dentro e fuori l’azienda: perché senza soluzione della vicenda Gallo, saranno ancora una volta le ‘Dame nere’ a ghignarsela”.(ANSA).
VR/
http://vmcms.ansa.priv/legalita/rubriche/cronaca/2016/09/14/tar-respinge-richiesta-gallo-che-denuncio-camorra_fb39400c-1588-4755-add8-4bee31f390ee.html

Archivi