Si viene ridicolizzati ed insultati quando si parla di mafia e di rifiuti tossici interrati dalla camorra e se ne nega l’esistenza ……………………bollando il tutto come………..”bugie”

A sua Eccellenza  il Prefetto di Frosinone 

Dott.ssa Emilia Zarrilli

Oggetto : dichiarazioni  lista “per cambiare”

Il nostro comune  si avvia alle prossime consultazioni elettorali attraverso un sano e civile  confronto con la gente e con gli altri aspiranti al governo del  paese.

Come accade in ogni contesto democratico vengono illustrate le finalità, i programmi e i valori che ogni raggruppamento politico esprime allorché chiede il consenso ai cittadini per  guidare l’amministrazione pubblica .

Ognuno ha la libertà di dire quello che vuole ma deve avere la responsabilità, di fronte al popolo, di essere estremamente onesto e corretto quando esprime i giudizi anche critici nei confronti degli avversari.

Alcuni argomenti, che rivestono una rilevanza sociale fondamentale per la crescita culturale, etica ed economica del paese, non possono essere derisi o menzionati solo per lanciare accuse all’antagonista di turno.

Alcuni temi sociali vanno trattati con serietà e competenza e soprattutto rispettando chi da anni ha cercato di  sensibilizzare la coscienza politica e la società civile sui danni causati all’economia e alle istituzioni dalle infiltrazioni mafiose .

Abbiamo attraversato il deserto del silenzio e dell’indifferenza, superato accanite campagne denigratorie con la speranza di favorire  un comportamento politico che tenesse separati gli interessi personali dalla gestione della cosa pubblica fino a giungere, nel caso di Pastena, a far inserire un sito utilizzato dai cantieri della Tav nel SIN Valle del Sacco perché il suolo è oggettivamente contaminato da metalli pesanti.

Una lunga storia che ha avuto una svolta solo l’anno scorso con la presa d’atto da parte del Ministero dell’Ambiente dei dati scientifici oggettivi . 

Non abbiamo mai usato questi argomenti per scopi politici ma solo per difendere il nostro territorio e per salvaguardare la salute dei cittadini che, per un medico, sono  doveri sacrosanti  sanciti dallo stesso giuramento di Ippocrate.

Non riteniamo che sia utile per nessuno aizzare nelle piazze gli animi su questi argomenti che richiedono, al contrario atteggiamenti prudenti, analisi attente e approfondite considerata la complessità e l’espansione dei fenomeni criminali.

Tuttavia riteniamo che sia un’offesa alla testimonianza svolta in questi anni per  favorire il rispetto dello Stato e  dei suoi uomini morti per difendere la legalità e i diritti dei cittadini. 

Sono  un obbrobrio concettuale e una deformazione della verità le affermazioni riportate a pagina 2  dal programma della lista civica “per cambiare” 

 

Pensiamo che  sia un dovere di tutte le istituzioni contrastare il malaffare e l’espandersi della corruzione che favorisce il rafforzamento del potere delle associazioni mafiose e di quelle  camorristiche.

Auspichiamo che anche l’istituzione , da Lei così altamente rappresentata, inviti a comportamenti decorosi  e coraggiosi coloro che sono impegnati nel rinnovo dei consigli comunali.

Essere contro la mafia e la camorra è un dovere etico e morale e oltretutto è una garanzia per il futuro delle nuove generazioni.

Pastena 21 maggio 2016

                                                                                                  

Con osservanza 

dott. Arturo Gnesi Sindaco di Pastena

Archivi