SI BATTONO LE MAFIE REALIZZANDO I DIRITTI ED I DOVERI COSTITUZIONALI

Al Governo, al Ministro Salvini.

Ogni giorno le mafie operano su linee parallele , con il medesimo obiettivo: imporre il loro potere distorto in ambito territoriale, lucrare attraverso l’intimidazione ed estorcere denaro, creare un clima per cui ogni cittadino teme addirittura per la propria vita, intervenire nel settore degli appalti e sub-appalti particolarmente in edilizia, controllare il mercato della droga, investire capitali sporchi in Italia ed all’estero, opporsi ad ogni iniziativa culturale che faccia crescere la coscienza critica e democratica dei cittadini distruggendo finanche attrezzature didattiche e favorendo l’evasione scolastica.

La criminalità spara, regola i conti usando le armi nelle strade e nelle piazze dei nostri centri urbani. Ignobile quanto accaduto a Napoli in Piazza Nazionale.

La criminalità non potrebbe esistere se non ci fossero anche gravi manchevolezze nella pubblica amministrazione, in attività private . Siamo anche in presenza di una scarsa consapevolezza civica da parte di numerosi cittadini, di ampie collusioni e di diffusa corruzione presenti in numerosi segmenti della società.

Accanto a macro criminalità si muove una pericolosissima micro criminalità, università del crimine.

Ogni giorno veniamo a conoscenza di episodi raccapriccianti che occupano le prime pagine dei quotidiani e costituiscono notizia per i primi titoli dei telegiornali delle reti pubbliche e private.

Il cittadino chiede sicurezza. Noi della Associazione Antonino Caponnetto diciamo che la richiesta dei cittadini è giusta. Il fenomeno necessita di prevenzione e repressione.

Diciamo che occorre un’opera complessiva delle Istituzioni che devono creare lavoro e fare funzionare le scuole; occorre una sorta di concerto da parte di Enti, Associazioni, Movimenti civici, categorie professionali, Enti diversi, soggetti imprenditoriali, socio-culturali, sindacali per operare sulla intera società.

I diritti ed i doveri dei cittadini, come vuole la Costituzione, vanno realizzati.

Crediamo ad interventi coordinati ed integrati che tolgano l’acqua alle camorre ed offrano aria ed acqua in modo da rinforzare la lotta alla criminalità, lotta che necessita di una progettualità e non di occasionali attività in occasione di allarmanti episodi. Non bastono le solite riunioni dei soliti apparati che si parlano addosso.

Gli Organi dello Stato devono operare con durezza e lungimiranza. Occorrono leggi adeguate, appropriate ai tempi.

L’Associazione Antonino Caponnetto condanna ogni manifestazione della criminalità e chiede che ogni cittadino si senta responsabile del presente e del futuro di questo Paese.

L’Associazione propone al Ministro Salvini che si faccia artefice di una programmazione da studiare con il Governo perché ogni competenza venga posta a servizio di iniziative intelligenti, adeguate alla gravità del momento.

di Francesco de Notaris

4 Maggio 2019

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONTRO ILLEGALITA’ E MAFIE ANTONINO CAPONNETTO

 

 

Archivi