Senza DENUNCIA non è antimafia…

SENZA DENUNCIA NON E’ ANTIMAFIA. E’ ALTRA COSA: FUFFA, ARIA FRITTA
Lo abbiamo sempre detto: parlare di mafia non è come parlare di bruscolini.
Bisogna avere piena contezza della sua potenza.
Stiamo parlando della più grande “impresa” del Paese, proprietaria di una ricchezza senza confini.
Stiamo parlando de ” o sistema”, del ” Potere” in parole povere e non è detto che questo non abbia già preso il sopravvento nel Paese, anche grazie alla corruzione, ormai sempre più dilagante e con istituzioni flaccide e permeabilissime.
Il resto lo fa la politica corrotta.
Cè chi dice che la guerra alla mafia sia già persa e che anche nel cosiddetto fronte “antimafia” c’è tanta gente che alla mafia tiene bordone.
Sciascia parlava di… “professionisti dell’antimafia”, di gente, cioé, che con una finta antimafia ci campa e fa carriera.
Anche politica, oltreché economica.
E’ diventato per molti un “mestiere”, con la gestione dei beni confiscati, i corsi di cultura cosiddetta della legalità, i corsi accademici e tante altre diavolerie che si inventano giorno dopo giorno.
Se un giorno ipoteticamente dovessero sparire le mafie, tantissima gente rimarrebbe disoccupata.
Quando noi sosteniamo che per fare un’antimafia seria, reale, significativa, incisiva, aggressiva, graffiante, , è assolutamente indispensabile imboccare una sola strada:
quella dell’INDAGINE e della DENUNCIA.
Senza indagine e senza denuncia NON è antimafia, è altra cosa: è fuffa, aria fritta, bla-bla.
Il discrimine è qua, fra chi fa DENUNCIA e chi fa bla-bla.

Archivi