Sempre più inquietante la situazione dell’ordine pubblico e della sicurezza a Frosinone e nessuno interviene in maniera efficace. Ministro Maroni, che facciamo?

A FROSINONE LA SITUAZIONE DELL’ORDINE PUBBLICO E DELLA SICUREZZA DIVENTA SEMPRE PIU’ DRAMMATICA ED I COMMERCIANTI PROTESTANO

All’assemblea promossa dall’ASCOM, dallo SNARP e da vari altri Comitati, si sono presentati i commercianti di Frosinone, ma non i rappresentati delle Forze dell’Ordine che pure sono stati invitati.

Un brutto segnale!

Eppure i fatti che determinano le fortissime preoccupazioni degli operatori commerciali e di tutti i cittadini sono a dir poco inquietanti.

Negli ultimi giorni essi sono:

-attentato al Bar SHAKE 2;

-furto al Bar Zambardino, incrocio via Monti Lepini;

-furto al CENTROTTICO di via Verdi;

-furto al bar-pasticceria IL VESUVIO di via Don Minzioni;

-topi di biblioteca in azione nella BIBLIOTECA di via De Mattias;

-tentativo di furto all’Istituto Professionale di via Sacra Famiglia e al Centro Anziani;

-furti a raffica nelle ville in zona Celletta;

-rapina nella TABACCHERIA in via Verdi;

-rapina all’EDICOLA di Corso Lazio;

-attentato incendiario al BAR di via Variante Casilina;

-rapina alla CROSS CONAD di via Monti Lepini;

-rapina al PAM di via Armando Fabi;

-tutto quello non denunciato

STIAMO PARLANDO SOLAMENTE DI FROSINONE SCALO E NON DELL’INTERA CITTA’…

CHE VOGLIAMO FARE???

Archivi