Se le autorità campane, come quelle del Lazio, dell’Abruzzo e del Molise, non si sbrigheranno ad adottare serie misure di vigilanza e contrasto, a cominciare dalla Stazione Unica Appaltante, la camorra dopo il business dell ‘avvelenamento dei territori, farà il bis con i lavori di bonifica.

Se le Prefetture e le altre autorità di Napoli e Caserta, a cominciare da quelle delle Regione Campania, non si sbrigheranno ad istituire la Stazione Unica Appaltante e ad adottare le altre misure di contrasto, la camorra, dopo aver lucrato avvelenando i territori, farà il bis con i lavori di bonifica.
Un altro business miliardario come sembra sia avvenuto già con il terremoto in Abruzzo.
Cosa stanno aspettando???

Archivi