A Formia non ci sono le condizioni per costituire un OSSERVATORIO COMUNALE CONTRO LA CRIMINALITA’ serio ed efficiente.L’Associazione Caponnetto ritira la sua proposta e si dissocia sin d’ora da qualsiasi iniziativa dovesse assumere l’Amministrazione comunale in nome della tutela delle legalità e delle lotta alle mafie.Il sud pontino é ormai nelle grinfie della camorra e le responsabilità sono tutte e solo della politica!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sconcertante!
Veramente sconcertante quanto sostiene il responsabile dell’Ufficio legale di S.O.S Impresa di Formia il quale dichiara che……….le indagini debbono essere fatte dalle forze dell’ordine……….,contestando,in sostanza,quello che diciamo e facciamo noi dell’Associazione Caponnetto.
SOS Impresa ,la Confesercenti,insieme a Libera ed altre due o tre sigle,é un’associazione che ha dato vita a quell’Osservatorio sulla legalità a Formia di cui abbiamo sentito parlare alcuni giorni fa.
Un’associazione che storicamente é collocata politicamente nell’area di centrosinistra come le altre 2-3 cui abbiamo fatto cenno e,più specificatamente,in quella del PD.
Non a caso il loro Osservatorio vede come Presidente un ex senatore del PD.
A noi la nascita di un organismo del genere avrebbe fatto anche piacere perché,pur nella diversità delle diverse metodologie di lotta,più siamo a parlare di lotta alla criminalità e meglio é.
Non soffriamo di complessi di rivalità e di gelosia nei confronti di chicchessia perché non abbiamo da tutelare interessi nè politici nè di altra natura.
Nè puntiamo,attraverso l’impegno antimafia,a tutelare interessi diversi da quelli della collettività perché non veniamo pagati da chicchessia e né vogliamo essere pagati da chicchessia,partiti,lobby o chiunque altro,gelosi come siamo
della nostra autonomia da tutto e da tutti e della nostra libertà di
agire contro tutto e tutti,senza pregiudizi di sorta
Il profumo della nostra libertà che possiamo gridare davanti a
tutti!!!!!!!!!!!!!!!.
Quello che,però,ci ha sconcertato é il fatto che la dichiarazione di
nascita di quell’Osservatorio é stata accompagnata da una
polemica nei nostri confronti che,pur se non citati con nome e
cognome,ci siamo visti subito contestati allorquando si mette in
discussione il nostro modo di fare antimafia attraverso
l’INDAGINE E LA DENUNCIA.
L’esponente di SOS IMPRESA e di questo fantomatico
Osservatorio messo in piedi dalle sigle indicate ha detto:
LE INDAGINI DEBBONO FARLE LE FORZE DI POLIZIA.
Da un’Associazione del genere di….centrosinistra e,peraltro ,a
Formia – il cui territorio é come si sa fortemente infiltrato dalla
camorra la quale é entrata in tutti gli interstizi dell’economia e
della società e non solo – non ci saremmo mai aspettati una cosa
del genere.
Come pure ci saremmo aspettati,al contrario, le lodi e non gli
attacchi per lo spirito di sacrificio,accompagnato dai forti rischi
che corriamo,senza essere pagati da nessuno e senza aspirare a
niente se non a vedere i mafiosi incarcerati e privati dei loro
beni,, che caratterizza l’operato dell’Associazione Caponnetto la
quale da quasi 15 anni indaga,scopre,denuncia i mafiosi.
In piena solitudine !!!!!!!!
Commento [P1]: e
Non vogliamo assolutamente polemizzare con questi signori
perché ,malgrado il loro comportamento scorretto e livoroso,noi
polemizziamo solo con i mafiosi e i loro sodali.
Ma dietro a questo loro atteggiamento noi intravvediamo
l’ombra del partito politico cui queste sigle fanno riferimento – il
PD appunto – che é lo stesso che amministra la città di Formia.
Ed allora,mettendo in fila tutti le scorrettezze ed atti di ostilità
commessi dal PD nel Lazio nei nostri confronti,é facile dedurre
che al PD ha dato fastidio la nostra proposta di far costituire dal
Comune un Osservatorio Comunale contro la criminalità
composto solamente da magistrati,forze dell’ordine e due
rappresentanti dell’antimafia sociale,con il Sindaco presidente e
nessun consigliere o rappresentante politico ed é partito subito
l’attacco a noi.
LE INDAGINI DEBBONO FARLE SOLO LE FORZE DELL’ORDINE?
No,signor responsabile che sei,di SOS IMPRESA .
Evidentemente non hai capito niente di cosa sono mafia ed
antimafia.
Tu contesti non solo l’antimafia vera,ma anche il giornalismo
d’inchiesta che si occupa di mafia.
Oltre che un dovere civico é anche un dovere giuridico per il
cittadino e,in particolare,per un’ASSOCIAZIONE ANTIMAFIA qual’è
la CAPONNETTO ( il cui Presidente onorario -peraltro-non é un ex
Senatore PD ma l’attuale Presidente della 2° Sezione Penale della
Suprema Corte di Cassazione ) , indagare per poi riferire a chi é preposto istituzionalmente ad approfondire.
Altrimenti,se neghi questo diritto-dovere ,spiegaci cosa intendete voi di SOS IMPRESA e compagni per…antimafia:
bla bla,commemorazioni,racconto della nonnina,gestione dei beni confiscati alla mafia ,sfilate,biciclettate,pizzate,cos’altro?
o limitarsi a correre dietro ai cravattari?
La mafia é altra cosa dai cravattari.
La mafia,quella vera,si annida proprio nelle pieghe della politica e delle istituzioni.
Ed é là che noi vogliamo stanarla,andando a vigilare in quegli ambiti.
E delle amministrazioni che non hanno nulla da temere dovrebbero essere favorevoli a creare organismi del genere degli Osservatori che l’Associazione Caponnetto propone nel quadro di una serie più generale di proposte atte ad impedire le infiltrazioni mafiose negli Enti Locali e nella Pubblica Amministrazione.
Ma,a prescindere da tutto ciò,c’é una considerazione ulteriore da fare:
la coincidenza dell’attacco con la nostra richiesta di costituzione dell’Osservatorio da parte del Comune é molto sospetta.
Ed allora parliamoci chiaramente :
se al PD ha dato fastidio l’iniziativa dell’Associazione Caponnetto,noi ritiriamo subito la nostra proposta.
L’Osservatorio,se vuole essere un organismo serio ed efficace,DEVE essere composto SOLAMENTE come noi abbiamo proposto:
A COSTO ZERO E SOLAMENTE CON MAGISTRATI,FORZE DELL’ORDINE,ASSOCIAZIONI ANTIMAFIA,CAPO DELL’UFFICIO TECNICO COMUNALE E SINDACO COME PRESIDENTE.
Se,poi,si vuole svuotare il suo ruolo impedendo a chi non fa parte delle forze dell’ordine di indagare e di collaborare con queste,é meglio che non si fa niente.
L’ASSOCIAZIONE CAPONNETTO RITIRA LA SUA PROPOSTA ED AUGURA A QUESTI SIGNORI BUON LAVORO.

Archivi