Sabella: «La corruzione conviene In Italia si rischia pochissimo»

Sabella: «La corruzione conviene In Italia si rischia pochissimo» – Corriere.it.Quei lavori di “somma Urgenza” che bisognerebbe non consentire più eccetto che in casi straordinariamente eccezionali e,comunque,sempre ad evidenza pubblica!!!!!!!!!!!!!!!!!!.

Varate un’apposita legge che comprenda,peraltro,anche il divieto dello “spezzettamento” dell’affidamento dei lavori.
, 13 febbraio 2015

Sabella: «La corruzione conviene
In Italia si rischia pochissimo»

L’assessore alla Legalità: «Le gare dirette e ristrette erano diventate la norma. Ho trovato somme urgenze date nel 2011 per lavori poi partiti nel 2013»

di Redazione Roma online

ROMA – «Laddove lo Stato non c’è, c’è la mafia. Oggi purtroppo corrompere o essere corrotti conviene, anche perché in Italia si rischia pochissimo: il reato di corruzione si prescrive in 10 anni e con un patteggiamento sotto i 3 anni non si rischia neppure il posto di lavoro nella pubblica amministrazione a cui si appartiene». Così l’assessore alla Legalità Alfonso Sabella durante la presentazione in Campidoglio di un libro su Mafia Capitale alla quale ha assistito il sindaco, Ignazio Marino, ed è intervenuto l’ex magistrato Gian Carlo Caselli.

 

L’eccezione e la regola

«Abbiamo riscontrato – aggiunge – che le procedure ordinarie e i bandi a evidenza pubblica erano diventati l’eccezione, mentre le gare dirette e ristrette la normalità. Ad esempio ho trovato somme urgenze date nel 2011 per lavori poi partiti nel 2013».

Archivi