Roma, ecco i locali in mano alla camorra. Le intercettazioni: «Moccia comanda un esercito e ha 33 Ferrari a Montecarlo»

IL Messaggero, 30 Settembre 2020

Roma, ecco i locali in mano alla camorra. Le intercettazioni: «Moccia comanda un esercito e ha 33 Ferrari a Montecarlo»

di Marco Carta

«Ti dico solo una cosa, tu lo sai che Angelo c’ha un esercito a disposizione? Questi ci ammazzano se qualcosa non va bene». Violenza, paura. E un’ossessione sfrenata per il lusso: «Questo c’ha 33 Ferrari a Montecarlo!»». È soprattutto dalle intercettazioni fra i sodali che emerge il potere intimidatorio del clan Moccia, capace di esercitare il terrore su chiunque intralciasse il loro business o non rispettasse i patti. «Pensa di giocà, ma questi, questi ti ammazzano! Ti ammazzano».

LA PAURA
Al centro della piramide di paura c’è il boss Angelo Moccia, uno da cui stare alla larga, al cui confronto anche i clan corleonesi devono impallidire: «Hanno migliaia di persone affiliate. Angelo c’ha centodieci omicidi sul groppone, c’ha avuto seicento magistrati che l’hanno giudicato, Totò Riina ne ha avuti quattrocento… che questi ci ammazzano se qualcosa non va bene, cioè non sto a scherza!». A parlare è uno dei sodali, l’imprenditore Guido Gargiulo, che teme possano sorgere dei problemi proprio con Moccia nella gestione di una delle società al centro dell’inchiesta, la Cooperativa Serena. Ed è sempre Gargiulo, in un’altra intercettazione del febbraio 2018, a raccontare come il clan grazie a una rete di prestanome avesse ripreso il controllo di 5 ristoranti finiti sotto sequestro nei mesi precedenti. «C’hanno un’organizzazione spaventosa! Spaventosa! Stanno nei Tribunali! I ristoranti di Roma sono tutti loro! Tutti!». Quando un imprenditore del settore auto, Angiolo Crivellari, ha la necessità recuperare alcune macchine di grande valore, tra cui una Bentley e una Ferrari, Gargiulo si offre di fare da intermediario con Moccia, ma subito lo mette in guardia: «Allora, prima di mettersi in mano loro… è gente molto seria. È gente che tu sarai un uomo ricchissimo, ma questi c’hanno più soldi di tutta Italia messi insieme, quindi… però è una mentalità, sono proprio così… prima di affidargli una cosa, io vorrei che tu fossi sicuro». Gargiulo, poi cerca di dare una definizione del potere del clan: «non economico, né mafiosi … né cani… proprio un potere … pesan­te». Angelo Moccia viene informato della vicenda. Ma invece di cercare soluzioni inizia a fare sfoggio del suo parco auto, che comprende diverse Ferrari: «Se vuole una F40 io ce l’ho! Però, meno di un milione e tre non le vendo!», dice Moccia che poi aggiunge. «C’ho una RS3 Porsche del 90.. . trecentomila euro gliela dò. C’ho un F12, targato F12 e immatricolato il 12, 12, 2012. Cioè per chi è collezionista è». Ci sono poi le vittime, come l’imprenditore Marco De Sanctis, ex presidente del Mantova Football Club, che non riesce a restituire a Gennaro Moccia un prestito di 20mila euro. De Sanctis è stufo di pagare: «gli ho dato centoventi su cento, praticamente vuole sempre di più». E in una conversazione con Claudio d’Alessio del novembre 2017 spiega di aver consegnato già 18mila e 700 euro, oltre al capitale già restituito. Ma Moccia non gli da «respiro». Tanto che De Sanctis, nel dicembre 2017, inizia a temere per la sua incolumità: «Non l’incontro più, perché questo poi alla fine, prima o poi, me tira un’imboscata. Ma come ce devo veni all’appuntamento armato?».

Archivi