Riciclaggio, arrestati il re delle slot Francesco Corallo e un ex parlamentare di Forza Italia

 

L’Espresso, Martedì 13 Dicembre 2016

Riciclaggio, arrestati il re delle slot Francesco Corallo e un ex parlamentare di Forza Italia

Francesco Corallo, imprenditore catanese diventato miliardario grazie alla concessione statale per gestire il gioco d’azzardo legalizzato, è stato bloccato dalla polizia olandese nell’isola caraibica di Saint Marteen. Fermato anche Amedeo Laboccetta

DI PAOLO BIONDANI

Game over. Arrestati il re delle slot e il politico diventato suo tesoriere.Francesco Corallo, l’imprenditore catanese diventato miliardario grazie alla concessione statale per gestire il gioco d’azzardo legalizzato, è stato arrestato dalla polizia olandese nell’isola caraibica di Saint Marteen.

Corallo è inquisito dalla Procura di Roma come capo di un’associazione per delinquere finalizzata a commettere numerosi reati tra cui spicca il ricicilaggio di denaro sottratto al fisco: decine di milioni di euro che il suo gruppo Atlantis-Bplus (di recente ribattezzato Global Starnet) avrebbe dovuto versare allo Stato italiano, come tasse sui profitti sviluppati da oltre 73 mila macchinette mangiasoldi (slot e vlt) che l’imprenditore siciliano ha potuto installare a partire dal 2004 in tutta la Penisola.

In realtà le indagini internazionali guidate dallo Scico, il reparto antimafia della Guardia di Finanza, documentano che i soldi dovuti all’erario sono stati dispersi e occultati in una rete di società offshore controllate dai più stretti collaboratori di Corallo. Come Rudolf Baetsen, il suo braccio destro ai Caraibi, e Amedeo Laboccetta, parlamentare del Pdl fino al 2013 nonché rappresentante per l’Italia di Bplus-Atlantis, già indagato per favoreggiamento a Milano, tuttora dirigente di Forza Italia in Campania. Baetsen è stato arrestato a Saint Marteen, mentre Laboccetta è stato ammanettato a Napoli e trasferito in carcere a Roma

Archivi