Riceviamo e pubblichiamo: FONDI: CINQUE QUESITI ALL’ ASSESSORE CONTI SUGLI USI CIVICI.

l]–><!–[endif]–>

PARTITO DEMOCRATICO

Circolo Cittadino di Fondi

Piazza Porta Vescovo nr. 21

www.democraticifondi.it

COMUNICATO STAMPA

CINQUE QUESITI ALL’ASSESSORE CONTI

SUGLI USI CIVICI.

L’Assessore ai Lavori Pubblici ed Usi Civici Piergiorgio Conti comunica, attraverso il responsabile giovani dell’UDC, suo Partito di riferimento, la disponibilità ad incontrare i cittadini per dare chiarimenti rispetto alle questioni riguardanti i terreni gravati da uso civico.

E’ quantomeno curioso che una comunicazione istituzionale,  riguardante un tema tanto importante e delicato quale quello dell’uso civico, venga fatta veicolare attraverso un organo di Partito, quale fosse un’iniziativa personale dell’Assessore Conti.

Evidentemente l’UDC locale vuole cominciare ad avere quella visibilità politica che fino ad oggi gli è mancata totalmente.

Riteniamo di per sé opportuna l’iniziativa dell’Assessore Conti di mettersi a disposizione dei cittadini per dare delucidazioni riguardo ad un tema storico della nostra comunità, ma sempre di estrema attualità, come quello dei terreni gravati da usi civici.

Al Partito Democratico preme porre pubblicamente alcuni quesiti all’Assessore Conti riguardanti questo tema.

Quesiti di ordine generale che interessano prima di tutto la collettività fondana ma anche gli occupatori di quei terreni.

Ai quesiti che seguono vorremmo che l’Assessore Conti rispondesse pubblicamente, in modo da far comprendere alla cittadinanza quali sono gli indirizzi che il suo assessorato e l’Amministrazione De Meo intende perseguire nei prossimi mesi:

1)  Ci dica l’Assessore Conti che valore può avere oggi una Delibera di Consiglio comunale, approvata dalla sua maggioranza, in cui si chiedeva una “rimodulazione” del Decreto Schietroma, riducendo a 300 mt. dalla battigia l’area destinata a sviluppo turistico-ricettivo, quando questa Delibera non ha avuto dalla Regione Lazio, ad oggi, dopo molti mesi,nessuna risposta;

2) Se un cittadino è occupatore di terreni oltre la fascia dei 300 mt. cosa deve fare per avere l’alienazione o la legittimazione?

3) L’Assessore Conti in base a quale valore di perizia darà indicazioni agli occupatori per poter accedere agli istituti di legittimazione, alienazione o concessione d’uso dei terreni occupati? (Stiamo sempre aspettando che i “periti” ci spieghino pubblicamente, magari in Consiglio Comunale, i criteri adottati per le valutazioni che, nel tempo, hanno subito diverse e, a volte, inspiegabili, modificazioni)

4) L’Assessore Conti confermerà ai cittadini occupatori che, fino a quando la loro posizione non verrà legalizzata (con la legittimazione e/o l’alienazione) dovranno continuare a pagare le indennità risarcitorie al Comune di Fondi ( cioè alla collettività fondana)?

5)  L’Assessore Conti è in grado di dare indicazioni precise riguardo all’applicazione puntuale delle leggi regionali riguardanti l’uso civico, considerato che l’Amministrazione De Meo non ha espresso una posizione chiara sui temi sopra indicati?

L’Assessore Conti, risponda pubblicamente, e non solo nel suo privato ufficio ai singoli cittadini, a questi primi cinque quesiti di ordine generale, tenendo conto che la materia degli usi civici è regolamentata da norme regionali e che, la caduta della Giunta guidata da Renata Polverini, pone oggi seri dubbi su quali risposte certe potrà mai dare ai cittadini fondani l’Ente Regionale, ed avrà certamente reso un’utile servigio a tutta la collettività fondana che, come gli occupatori e forse più degli occupatori, è interessata ad una seria soluzione del problema, a tutela del preminente interesse generale per avviare finalmente una seria prospettiva turistica nella zona costiera.

Fondi, lì 24 settembre 2012

Bruno Fiore

Consigliere Comunale del Partito Democratico

Archivi