Riceviamo da Felice Cirpriani e pubblichiamo: : la vicenda dell’Hotel Cusani a Sperlonga. Solo la Regione non se n’è accorta

Articolo tratto da Latina Oggi – Leggi l’articolo

18 Febbraio 2012  SPERLONGA, HOTEL CUSANI: Il “P.M. Falcione contesta nuovi reati. Abusi a catena”. Solo la Regione non se ne è accorta ( 2006/2008)

Nel 2007 interessammo, con scarso successo la Regione ( Presidente, assessori e consiglieri) sugli abusi edilizi di Cusani e Chinappi. Il consigliere Celli presentò una interrogazione (aprile 2007) a cui veniva risposto il 7 agosto nei modi sotto riportati. Gli incapaci funzionari dell’Urbanistica parlarono di toni allusivi.

Questa la riposta all’interrogazione: “Ultimo caso su cui viene richiesto un approfondimento riguarda il comune di Sperlonga ed in particolare, il caso di un albergo. Anche su questa vicenda è stata avviata un azione di vigilanza. L’accertamento tratto dalle risultanze della documentazione ottenuta dal Comune e dai diversi sopralluoghi effettuati ha determinato che gli interventi in questione trattano di una riqualificazione di una struttura persistente e non della realizzazione di una nuova opera. ( da piccolo ristorante ad albergo con aumento di volumetria e spazi non fosse un’opera nuova; la Procura dovrebbe indagare i funzionari. F.C.) In merito occorre sottolineare che lo stesso è stato fortemente ostacolato dalle ripetute osservazioni presentate e sempre controdedotte, che hanno visto l’uso di toni allusivi che sono andate molto al di là dell’esplicitazione di idee personali”. Firmato assessore Massimo Pompili.

Archivi