Respingiamo fermamente le accuse di “scorrettezza”mosseci a seguito del nostro comunicato relativo alle elezioni di ballottaggio a Gaeta.

*

Associazione Regionale del Lazio per la lotta contro le illegalità e le mafie

“Antonino Caponnetto”

www.comitato-antimafia-lt.org info@comitato-antimafia-lt.org

17

Latina 18 maggio 2012

COMUNICATO STAMPA

Respingiamo con forza al mittente le accuse di “scorrettezza” rivolteci a seguito del comunicato da noi emesso in relazione alle elezioni di ballottaggio in corso a Gaeta.

Era ed è nostro dovere intervenire,chiedendo peraltro un pronunciamento al riguardo della Magistratura inquirente,dopo la pubblicazione da parte di varie testate giornalistiche di ampi stralci della Relazione della Commissione di accesso agli atti del Comune di Fondi che riguardano,fra gli altri,anche il candidato del centrodestra alla carica di Sindaco del Comune di Gaeta.

Siamo stati e siamo critici nei confronti dell’attuale Sindaco di questa città per non aver accolto la nostra vecchia richiesta di istituzione di un organismo comunale di contrasto alle mafie,ma,purtuttavia,per onestà intellettuale ,dobbiamo riconoscere che gli unici partiti in provincia di Latina e nel Lazio che con i fatti hanno finora dimostrato di voler combattere le mafie sono quelli di centrosinistra.

E’,questa,una realtà dalla quale non possiamo e dobbiamo prescindere.

Questi sono i due motivi per il quali avevamo il dovere di intervenire pubblicamente.

Giova,comunque,sottolineare,a proposito della costituzione dell’organismo comunale di cui sopra, il fatto che,alla luce degli avvenimenti finora verificatisi particolarmente a Gaeta,l’idea di costituire un organismo locale di contrasto alle mafie va rimeditata e riformulata in termini diversi da quelli del passato ,in quanto non tutti gli organismi ed i soggetti locali che potrebbero comporre quell’organismo hanno dimostrato di possedere le conoscenze e le capacità che un fenomeno complesso del genere,quello mafioso appunto,richiede.

Sulla base delle esperienza e delle conoscenze da noi acquisite sul campo,infatti,saremmo tranquilli solamente se alla composizione di tale organismo concorressero direttamente ed esclusivamente i vertici provinciali dei corpi di polizia,oltre a rappresentanti della DIA ,della Procura della Repubblica e delle DDA.

Ma una composizione del genere va tutta studiata,discussa e regolamentata.

Archivi