Renzi chiedi scusa.

L’UNICA RISPOSTA DI RENZI AI
MAGISTRATI CHE HANNO SOLLEVATO
UN PROBLEMA SERIO  E’ STATA UN
INSULTO :
“SIAMO IN UNO STATO DI DIRITTO NON
DI FERIE”.
PRIMA DI RISPONDERE AI MAGISTRATI –
CHE SONO PERSONE CHE RISCHIANO
OGNI MOMENTO LA VITA PER DIFENDERE
LO STATO DI DIRITTO E LA VITA DI NOI
TUTTI –   DOBBIAMO LAVARCI TUTTI LA
BOCCA.
RENZI,VERGOGNATI E CHIEDI SCUSA
!!!!!!!
La politica aiuta o boicotta i giudici nel reprimere
la corruzione? Questo dovrebbe chiedersi Renzi
domenica, 25 gennaio 2015
SCRITTO DA
Gad BIO
Mi spiace che fra le molte cose dette ieri nelle cerimonie inaugurali dell’anno giudiziario
2015, al presidente del consiglio sia rimasta impressa solo la protesta contro il taglio delle
ferie dei magistrati.
Ieri ci hanno detto che le mafie si sono radicate nel Nord Italia. Che la criminalità
organizzata detiene posizioni di potere significative nel mondo del calcio. Che stante il
decreto Ilva appena varato non sarà possibile recuperare i 2 miliardi della famiglia Riva
depositati in Svizzera. Che la corruzione è diffusa ai massimi livelli della nostra pubblica
amministrazione.
La prima domanda che dovrebbe porsi il capo del governo di un paese in cui tutte queste
cose accadono, a mio modesto parere, è la seguente: la politica fin qui ha aiutato o
ostacolato l’azione della giustizia contro i crimini commessi dai colletti bianchi, ovvero da
personalità insediate nella classe dirigente? E se finora, nonostante i proclami che lasciano
il tempo che trovano, la politica ha guardato con paura e fastidio all’azione della

magistratura, cercando di boicottarla, quale facilitazione immediata si può attuare per
invertire la rotta?

Archivi