Raid misterioso a casa del giornalista Borrometi

20 Agosto 2017

di AMDuemila

Non è bastato andare via dalla Sicilia, il giornalista Paolo Borrometi, che vive sotto scorta da alcuni anni, continua ad essere bersaglio di fatti intimidatori e ambigui. Qualcuno sarebbe entrato misteriosamente nella casa romana di Borrometi e avrebbe portato via l’hard disk di un computer e gli appunti relativi ad alcuni articoli.
Il giornalista siciliano, direttore del giornale online “La Spia”, ha subito diverse volte minacce, intimidazioni e attacchi contro la sua persona  a causa delle sue inchieste su temi scottanti come i traffici illeciti che ruotano attorno al mercato ortofrutticolo di Vittoria, lo scioglimento per mafia del Comune di Scicli e del racket delle agenzie funebri. A raccontare quest’ultimo fatto è stato il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, nell’esprimere solidarietà al giornalista: “Certo che è un furto molto strano quello che è accaduto nell’appartamento romano di Borrometi” e  “che la cosa poi avvenga a Roma è ancora più inquietante. Paolo è dovuto andare via dalla Sicilia per le sue inchieste sulla mafia – ricorda il governatore – e si ritrova a vivere gli stessi problemi, in passato Paolo è stato anche aggredito, con gli attacchi di una mafia che non si vuole rassegnare, che non accetta che sui giornali si possa scrivere la verità”.

ANTIMAFIADuemila esprime piena solidarietà al collega Paolo Borrometi nella speranza che si faccia presto chiarezza sul fatto.
fonte:http://www.antimafiaduemila.com

Archivi